Stupro della 19enne americana, i tre indagati rimangono in carcere

Lo ha deciso il giudice del Tribunale del riesame Sebastiano Mignemi. Il giudice, che ha così respinto il ricorso dei legali, ha depositato il dispositivo e si è riservato di produrre le motivazioni nei prossimi giorni

Restano in carcere i tre giovani catanesi accusati di violenza sessuale di gruppo ai danni di una americana di 18 anni. Lo ha deciso il giudice del Tribunale del riesame Sebastiano Mignemi. Il giudice, che ha così respinto il ricorso dei legali, ha depositato il dispositivo e si è riservato di produrre le motivazioni nei prossimi giorni.

Le motivazioni saranno, infatti, rese note entro 45 giorni. La Procura di Catania ha richiesto al Gip Simona Ragazzi un incidente probatorio con la deposizione della diciannovenne statunitense, assistita dall'avvocato Mirella Viscuso, che dovrebbe nei prossimi mesi tornare appositamente in Italia.

I tre aggressori sono stati identificati grazie a un video che la ragazza aveva girato con loro in uno dei locali del centro locale del centro e da quello inviatole l'indomani da uno dei violentatori che la invitava a uscire ancora insieme.

Sono finiti, così, in manette Roberto Mirabella di 20 anni, Salvatore Castrogiovanni e Agatino Spampinato tutti e due di 19 anni. Si tratta di due giovanissimi netturbini e di uno studente di una scuola professionale. Sono stati fermati dai carabinieri di piazza Verga lo scorso 21 marzo e sottoposti ad interrogatorio di garanzia.

I rilievi dei carabinieri | Video

Secondo quanto ricostruito, la 19enne, da tre mesi in Italia, nella tarda serata del 15 marzo, insieme a un'amica, si è recata in un bar di via Teatro Massimo, zona della 'movida' nel cuore della città. Qui è stata avvicinata dai tre che si sono intrattenuti con lei dopo che era rimasta da sola. Dopo averle offerto qualche drink, l'avrebbero convinta a spostarsi in un altro bar della zona e poi, una volta in strada, l'avrebbero costretta a salire con violenza sul sedile posteriore di un'auto per poi raggiungere un posto isolato del lungomare, vicino piazza Europa. Lì i tre avrebbero abusato a turno della vittima, riprendendo le fasi della violenza con i loro telefonini.

La notizia dello stupro ha profondamente scossol'opinione pubblica che nelle ultime ore ha espresso con ogni mezzo indignazionee sconforto. Non sono mancati sui social le dure prese di posizione nei confronti dei tre soggetti accusati di aver abusato sessualmente della vittima. E anche il sindaco Pogliese ha definito quanto accaduto come "una macchia per la reputazione della città".

Potrebbe interessarti

  • Piazza Duomo, uomo salvato dai soccorritori della Misericordia: "Grazie ragazzi"

  • Sindrome del colon irritabile: i cibi da evitare

  • Smartphone, occhio al virus FinSpy

  • Ondate di caldo, i consigli del Medico di famiglia: "Aria condizionata con moderazione”

I più letti della settimana

  • Incidente stradale sull'asse dei servizi: 6 feriti, tra loro 3 bambini

  • Bruno Barbieri a Catania per la penultima tappa di 4 Hotel: ecco gli sfidanti

  • Chiedono il "cavallo di ritorno", ma i falchi li arrestano a Picanello

  • Camion dei panini prende fuoco, i vigili del fuoco salvano le case vicine

  • Incidente stradale sull'Asse dei servizi, in otto sull'auto che si schianta contro il guardrail: un morto e 7 feriti

  • Arrestato corriere della droga, nascondiglio "alla Diabolik" per la coca

Torna su
CataniaToday è in caricamento