Processo fratelli Lombardo: il 9 ottobre la nuova udienza

Aggiornata al 9 ottobre prossimo l'udienza preliminare davanti al Gip di Catania sulla richiesta di rinvio a giudizio coattiva del presidente della Regione Raffaele Lombardo e di suo fratello Angelo

La Procura della repubblica ha già depositato la richiesta di rinvio a giudizio per reato elettorale aggravato dall'avere favorito l'associazione mafiosa nelle elezioni politiche del 2008 nei confronti del presidente della regione siciliana, Raffaele Lombardo e di suo fratello Angelo, deputato nazionale del Mpa.

Il capo della Procura, Giovanni Salvi, lo ha riferito al termine dell'udienza davanti al gup in cui i fratelli Lombardo sono imputati per concorso esterno in associazione mafiosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'udienza di oggi è stata caratterizzata dal controesame del maggiore dei carabinieri del Ros Lucio Arcidiacono, che sarà sentito anche il 9 ottobre. Il Gip ha infatti già fissato il calendario del procedimento prevedendo un'altra udienza per il 30 ottobre prossimo.

Il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, chiederà nella nuova udienza, al Gup Marina Rizza di Catania, di accedere al rito alternativo del processo abbreviato condizionato. Lo hanno annunciato il Governatore e i suoi legali a conclusione dell'udienza di oggi.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva preso due aerei ed un taxi per tornare in Sicilia: morta 73enne

  • Coronavirus, in Sicilia 936 persone attualmente positive: a Catania sono 288

  • Positiva al Covid-19, prende due aerei e a Catania un taxi: adesso è ricoverata

  • Coronavirus, ordinare a domicilio: la lista delle attività a Catania

  • "Il divieto di ritornare nella Buttanissima Sicilia, tanto amata", lettera di Francesco al presidente Musumeci

  • Coronavirus, in Sicilia 1095 contagiati (+159), i morti a Catania sono 15

Torna su
CataniaToday è in caricamento