rotate-mobile
Casa

Lancio di oggetti dal balcone? Cosa prevede la legge nei rapporti tra condomini

Cerchiamo di fare chiarezza su quali sono gli strumenti legali a disposizione di un condomino che si vede molestato dal proprio vicino di casa da lanci di oggetti dal balcone

Purtroppo tutt'oggi sono ancora innumerevoli i casi (che arrivano fino in tribunale) di condomini che litigano per il lancio di oggetti dal balcone. 

La legge prevede un reato specifico per questi comportamenti 'getto pericoloso di cose' ed insieme a questo ci sono diverse norme penali che sanzionano il vicino colplevole di lancio di oggetti dal balcone.

Vediamo però quali sono, nella pratica, le armi di difesa del proprietario di un appartamento che trova puntualmente sporcizia dalla finestra o dal terrazzo sovrastante.

La Cassazione per esempio ha sancito che non è reato scuotere la tovaglia sporca di briciole di pane o sbattere tappeti dal balcone perchè affinchè si configuri il reato di 'getto pericoloso di cose' deve essere danneggiata una persona e non degli oggetti. Resta invece punibile, per esempio, anche a livello penale, chi fa cadere un catino d'acqua sulla testa del vicino (o almeno tenta di centrarlo e non ci riesce).

Tale condotta di sbattere tappeti diventa reato nel momento in cui però viene ripetuta in modo quotidiano ed assillante, oltre il necessario. Il comportamento in questione può essere punito come 'disturbo della quiete pubblica' se i rumori possono molestare l'intero palazzo o chi vive acccanto. Lo sbattimento di pochi minuti, nel cuore del giorno, anche se assiduo non è reato. Lo è invece effettuarlo ogni giorno alle 6 di mattina o nelle ore notturne.

Per quanto riguarda invece il gocciolamento dell'acqua proveniente dalle piante o dal condizionatore la Cassazione ritiene presente il reato di 'getto pericoloso di cose' tutte le volte che l'atteggiamento presuppone il dolo, ossia la coscienza e volontà di creare un danno. 

Bisogna quindi escludere tutti i casi di colpa in buonafede. In poche parole se lo fai qualche volta nessuno ti dirà nulla e non rischi, ma se il tuo vicino ti diffida e continui a farlo si rischia una querela (e prima di farlo è bene per il molestato inviare una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno). Sarà possibile anche iniziare in tribunale una azione di risarcimento, ma solo nel caso in cui il danno sia rilevante e non irrisorio.

Coloro che lanciano oggetti dal balcone col preciso intento di dare fastidio possono essere penalmente perseguite perchè si configura il reato di 'molestie continuate'. Tali episodi devono essere continui e ripetuti nel tempo. Si pensi al condomino che ogni giorno lancia terriccio e sassi in corrispondenza dell'entrata del negozio a piano terra per infastidire proprietario e clienti. 

E' possibile anche configurare il reato di 'stalking' nel momento in cui dopo una prima serie di comportamenti di disturbo o di molestia, le azioni persecutorie diventino continue. In questo caso si può applicare anche la misura del 'divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati da tutti i condomini'. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lancio di oggetti dal balcone? Cosa prevede la legge nei rapporti tra condomini

CataniaToday è in caricamento