rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Formazione

Policlinico di Catania: “P.N.R.R. e riforma dell’assistenza territoriale"

“Piano nazionale di ripresa e resilienza e riforma dell’assistenza territoriale: Quali requisiti, formazione e competenze necessarie al personale sanitario e socio sanitario” è l’evento formativo organizzato dall’ ANAFePC

 “Piano nazionale di ripresa e resilienza e riforma dell’assistenza territoriale: Quali requisiti, formazione e competenze necessarie al personale sanitario e socio sanitario” è l’evento formativo organizzato dall’ ANAFePC l’Accademia Nazionale per l’Alta Formazione e Promozione della Cultura che si svolgerà venerdì 09 giugno alle ore 9 presso l’Aula 4, edifico 4, del Policlinico “G. Rodolico” in Via S. Sofia a Catania.
 
Il corso affronterà novità e adempimenti previsti dalla riforma dell’organizzazione dell’assistenza sanitaria territoriale regolata dal Decreto 23/5/2022, n. 77, una riforma del territorio che intende superare le criticità dell’attuale sistema, accrescere la capillarità dei servizi ed utilizzare al meglio le professionalità a disposizione. La Riforma dell’assistenza territoriale definisce un nuovo modello organizzativo del Ssn che mira a una sanità più vicina alle persone e al superamento delle disuguaglianze. Il nuovo assetto istituzionale e organizzativo dell’assistenza sanitaria primaria consentirà al Paese di conseguire standard qualitativi di cura adeguati, in linea con le migliori prassi europee, per garantire a cittadini e operatori il rispetto dei Livelli Essenziali di Assistenza (Lea).
 
I punti chiave della Riforma prevedono la ridisegnazione di funzioni e standard del Distretto: Casa della Comunità, Centrali operative territoriali (COT), Ospedali di Comunità, Rete delle cure palliative, telemedicina, servizi ambulatoriali e domiciliari, soprattutto per quei pazienti in post ricovero ospedaliero, farmacie di comunità, consultori, numero di assistenza territoriale europeo, finanziati con le risorse del PNRR, diffuse in tutto il territorio nazionale. La previsione normativa ha ammesso inoltre la possibilità per le aziende ed enti del SSN di reclutare personale sanitario medico e non medico attraverso assunzioni a tempo indeterminato per soddisfare le nuove esigenze del territorio.
 
Il Distretto sarà un nuovo modello di assistenza territoriale dedicata alle cronicità, concepito in modo che possa prendere in carico un massimo di 100.000 abitanti incentrato su una Centrale Operativa Territoriale (COT) che coordina una rete di assistenza sanitaria territoriale composta da un Ospedale di Comunità ogni 100.000 abitanti. In numeri, l’implementazione di tale modello a livello nazionale richiede che entro il 2026 siano costituite 611 Centrali Operative Territoriali, 435 Ospedali di Comunità, 1430 Case della Comunità. Una vera e propria rivoluzione organizzativa che deve essere effettuata in tempi relativamente brevi, in quanto, allo scopo di rispettare la tabella di marcia prevista nel PNRR, entro il 2026.  Le strutture sociosanitarie polivalenti garantiranno funzioni di assistenza sanitaria primaria, prevenzione e promozione della salute, soprattutto ai pazienti cronici attraverso l’erogazione si servizi sanitari rivolti prioritariamente alle persone anziane e fragili. All’interno di queste strutture i servizi sanitari saranno organizzati in equipe composte da medici di Medicina Generale, Pediatri, Specialisti ambulatoriali, Infermieri di Famiglia o Comunità, Oss, Psicologi, Ostetrici, operatori sanitari dell’area della Prevenzione, della Riabilitazione e Tecnica, e Assistenti Sociali.
 
L’ANAFePC ha promosso l’evento per concentrare la discussione e i futuri interventi di riorganizzazione e riqualificazione del Territorio, che stanno impegnando ed impegneranno anche per il futuro prossimo le istituzioni, oltre che le organizzazioni, i professionisti e le comunità, per fornire strumenti teorici per accrescere le conoscenze e gli aggiornamenti supportando l’operatore che risponde al bisogno dei tempi e dei pazienti che richiedono una complessità assistenziale in continua evoluzione.
 
L’incontro vedrà la presenza, come relatori, esperti del settore: gli autorevoli Dott. Ignazio Del Campo Direttore UOC Controllo di Gestione, Dott.ssa Monica Castro Direttore UOC Settore economico, finanziario e patrimoniale e Dott.ssa Milena La Spina, Oncologo e Pediatra dell’A.O.U. “Policlinico – San Marco” di Catania; il Dott. Salvatore Condorelli Medico di Medicina Generale responsabile scientifico Sismed Catania e il Dott. Maurizio Cirignotta Vice Presidente dell’Accademia. Moderatore dell’evento Calogero Coniglio, Presidente dell’Accademia. L’evento formativo vedrà la presenza di discenti provenienti da tutte le aree sanitarie. Sono stati invitati il dott. Gaetano Sirna e il Dott. Rosario Fresta, rispettivamente Direttore Generale e Direttore Amministrativo dell’A.O.U. “Policlinico – San Marco”, esponenti delle istituzioni e del mondo della cultura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Policlinico di Catania: “P.N.R.R. e riforma dell’assistenza territoriale"

CataniaToday è in caricamento