Prevenzione dei terremoti, a Catania scatta il week end di simulazione

La Protezione Civile con l'amministrazione comunale e tutte le autorità per la sicurezza simuleranno nel fine settimana le conseguenze di un terremoto. L'ora X scatta alle 12 di venerdì, di seguito il programma.

La Protezione Civile di Catania ha programmato questo weekend una simulazione per testare il piano di emergenza comunale di interventi conseguenti ad un sisma, ovviamente ipotetico, che raggiunga i 5.8 gradi di magnitudo sulla scala Richter.

Da domani a domenica la Protezione Civile del capoluogo etneo, lavorerà  in collaborazione con l’Associazione Misericordia San Leone e L’Ugem Sicilia delle Misericordie e le strutture comunali di volontariato per la protezione dei cittadini e l’assistenza del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile per verificare ogni possibilità di azione in città a seguito ad una potenziale catastrofe.

Il programma della tre giorni è stato presentato nella sala della giunta di Palazzo degli Elefanti dall’assessore alla Protezione Civile Luigi Bosco, che ha sottolineato come la sicurezza sia uno dei temi principali nell’azione dell’amministrazione comunale dichiarando: “Catania è una città a elevatissimo rischio sismico e con un patrimonio edilizio in gran parte vulnerabile in quanto costruito prima della normativa antisismica del 1981. In quest'ottica intendiamo da una parte puntare a interventi mirati sulle strutture e dall’altra preparare i cittadini all'evento terremoto testando la macchina del soccorso e le attrezzature con esercitazioni che consolidino il rapporto fra enti, istituzioni, associazioni di volontariato”. 

L'esercitazione, come ha spiegato il funzionario comunale della Protezione civile, Salvatore Fiscella, è inserita nel piano di emergenza approvato nell'aprile scorso dal Consiglio comunale. Saranno coinvolti nelle operazioni Prefettura, Questura, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, Corpo forestale, personale del Comune e delle Partecipate – Amt, Asec e Sidra – e ancora Circumetnea e Dipartimento di Protezione civile, che ha concesso il patrocinio e i benefici di legge per i volontari, che saranno circa mille. Saranno utilizzati 150 mezzi, ambulanze comprese, e unità cinofile. Cento funzionari si muoveranno all’interno di 35 ipotetici scenari e altrettanti interventi diurni e notturni saranno diretti dalla centrale operativa della Protezione civile comunale."

La simulazione scatterà alle 12 di venerdì, quando si dichiarerà la registrazione di una scossa di 5,8 gradi di magnitudo della durata di 45 secondi. Il Sindaco, l’autorità comunale di Protezione Civile, attiverà le strutture del Centro operativo comunale (Coc) coordinato dal presidente del coordinamento comunale del volontariato. “I 5.8 gradi di scala Richter – ha spiegato Bosco - permettono ampi margini di intervento per le attività di soccorso, la ricerca dei dispersi, l'isolamento delle strutture colpite, la messa in sicurezza degli edifici con l' evacuazione di scuole, ospedali, uffici pubblici. Gli scenari ipotizzati, che prevedono da 100 a 150 decessi e circa 1500 feriti, comprendono crolli e lesioni negli edifici con la temporanea inagibilità di strade e ponti e conseguente interruzione di forniture di luce e acqua”. 
Dopo l'allerta alle organizzazioni di volontariato, entreranno in campo i soccorritori. Un campo base, coordinato dalle Misericordie, sarà allestito nel parcheggio Fontanarossa con un Posto medico avanzato (Pma), una cucina da campo, bagni e postazioni con apparati radio che, per le ipotetiche disfunzioni di telefonia fissa e mobile, garantiranno le comunicazioni tra i centri operativi. 

Programma e luoghi dell'esercitazione
Venerdì 18, a partire dalle 15.30, Chiesa San Leone, Palacatania, parcheggio cimitero, mercato San Giuseppe la Rena, Piazzale Sanzio, alcuni centri commerciali ( Porte di Catania, Ikea, ecc.) 
Sabato 19, dalle 8, scuole Campanella Sturzo, Giovanni XXIII, Pizzigoni, Alighieri e Carducci, Biscari-Martoglio, e dalle 13 Porto Borgo e Porto Rossi di Ognina, Parrocchia Maristella, Ast, Capitaneria Porto, Nesima piscina, Circumetnea, Boschetto Plaia, Ast piazzale esterno, nella notte, Villa Bellini, piazza Borgo, piazza Vicerè, Parco Gioeni, Parcheggio Vulcania, Asse dei servizi, Archi della Marina; 
Domenica 20 mattina, interventi negli edifici di piazza Duomo (Palazzo degli Elefanti, Palazzo dei Chierici, Cattedrale), e chiusura delle operazioni alla presenza di tutte le forze coinvolte nell'esercitazione. 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
CataniaToday è in caricamento