← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Via Rosso di San Secondo: strada pericolosa, necessari dispositivi di sicurezza

Via Francesco Crispi, 39 · Via Umberto

A seguito delle tante segnalazioni e proteste, il Comitato Cittadino Vulcania con questa comunicazione vuole portare alla luce un problema che ultimamente sta diventando per i residenti e commercianti di Via Rosso di S. Secondo sempre più sentito e riguarda la sicurezza stradale per i pedoni. Con il nostro sopralluogo eseguito, abbiamo riscontrato che esiste un grande disagio per i pedoni intenzionati ad attraversare la strada nel tentativo di restare incolumi. Il Comitato propone e chiede alla Direzione Mobilità e Viabilità dell’Amministrazione comunale un provvedimento viabilistico con interventi di adeguamento e installazione dei dossi o delle strisce pedonali rialzate sull’asfalto in corrispondenza delle strisce pedonali di Via SS Secondo. Interviene il presidente del Comitato, Angela Cerri: “gli automobilisti in arrivo dalla circonvallazione, Via Caronda e Via Torino spingono spesso e volentieri il piede sull’acceleratore spaventando i pedoni che tentano la sorte per spostarsi da un lato all’altro della strada. Per cercare di limitare la velocità dei veicoli il Comitato chiede che vengano messi i limiti di velocità, che vengano installati i dossi per dissuadere dall’alta velocità e che la polizia municipale effettui i controlli con l’autovelox. Riteniamo che ci sia bisogno di intervenire con questi dispositivi di moderazione della velocità dei veicoli, al fine di mettere in sicurezza i pedoni, in strade molto trafficate. Si spera che ogni richiesta, ogni segnalazione, ogni proposta e ogni comunicato stampa del Comitato non siano lasciati cadere nel vuoto e che l’Amministrazione comunale non sia latitante. Speriamo che le istituzioni si mobilitino per risolvere al più presto questo sentito problema dove a farne le spese sono sempre i cittadini”.

Segnalazioni popolari

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
CataniaToday è in caricamento