rotate-mobile
Eventi

A trionfare al Catania Film Fest quest'anno è stato "The dance of Ali and Zin”

A trionfare al Catania Film Fest quest'anno è stato "The dance of Ali and Zin” - La Danza di Ali e Zin, diretto dal talentuoso regista turco Mehmet Ali Konar, che ha regalato agli spettatori un mondo fatto di poesia e nostalgia, con il premio Miglior Film Indipendente Europeo 2022

A trionfare al Catania Film Fest quest'anno è stato "The dance of Ali and Zin” - La Danza di Ali e Zin, diretto dal talentuoso regista turco Mehmet Ali Konar, che ha regalato agli spettatori un mondo fatto di poesia e nostalgia, con il premio Miglior Film Indipendente Europeo 2022. Il premio Miglior Film Indipendente Italiano 2022 è stato invece assegnato a “La carovana bianca” di Angelo Cretella e Artemide Al?eri, un documentario che racconta le conseguenze della pandemia su alcune famiglie di circensi. I premi Miglior Corto Indipendente Europeo e Italiano 2022 sono andati a Good Night, Lily di Peter Vulchev (Bulgaria) e Super Jesus di Vito Palumbo (Italia). Cateno Piazza – founder e co-direttore artistico afferma: «Anche quest’anno abbiamo offerto al pubblico di Catania e non solo, un programma cinematografico di alto profilo, caratterizzato dalla qualità dei contenuti e da un lavoro di ricerca sulle espressioni culturali contemporanee». Co-presentatrice di questa edizione è stata l’attrice catanese Alessandra Ferrara, che in occasione della cerimonia di Premiazione, ha ricevuto il Premio Speciale Attrice Emergente 2022. Di centrale importanza anche i quattro concorsi: Catania Film Europa, Catania Corto Europa, Catania Film Italiana e Catania Corto Italiana, dedicati a lungometraggi e cortometraggi di finzione e documentari di registi indipendenti europei. Un programma che si è sviluppato in sei giorni, tra proiezioni, incontri, masterclass e presentazioni. Gli eventi speciali sono stati curati da Fonda Mood. Tra gli eventi principali del festival spiccano la mostra fotografica “Vittorio de Seta. Cinema di un maestro”, a cura di Eugenio Attanasio e Antonio Renda della Cineteca della Calabria, la retrospettiva dedicata al regista greco Yorgos Lanthimos a cura di Emanuele Rauco e Sergio Barone, il concerto Omaggio a Franco Battiato a cura del Guarnieri ensemble con special guest il cantautore Luca Madonia, acoustic trio, il focus sul nuovo cinema tunisino a cura di Aurelio Gambadoro, Giusi Sipala, Nancy D’arrigo, Valentina Anastasi e Laura Silvia Battaglia, e la sezione Sinestetica, dedicata al suono e all’immagine, a cura di Massimo Blandini e Sergio Zinna e in collaborazione con Zo Centro Culture Contemporanee e la sezione Fuori Concorso. Tanti gli ospiti italiani ed internazionali che hanno reso unica questa XI edizione del Catania Film Fest ricordiamo l’attore Leo Gullotta, il regista Claudio Giovannesi (Presidente della Giuria), gli attori Vincenzo Vivenzio, Manuela Ventura e Laura Giordani, la regista Erige Sehiri candidata tunisina agli Oscar 2023, il cantautore Mario Venuti, il regista Giuseppe Marco Albano, il regista Maurizio Rigatti, il regista Giuseppe Alessio Nuzzo, l’attrice e cantautrice Manuela Zero, il regista e direttore della fotografia Daniele Ciprì. «È stata una edizione ricca di emozioni e di interessanti spunti di riflessione, di cultura e di nuove prospettive, tutte stimolanti e costruttive. L’idea è sempre quella di condividere una esperienza e rendere il festival il più inclusivo possibile» – ha aggiunto Daniele Urciuolo, presidente e organizzatore del Festival. Altri riconoscimenti ufficiali Premio Speciale della critica a “Water and more water” di Francesca Svampa. Premio Speciale per la tematica sociale al lungometraggio “Quel posto nel tempo” di Giuseppe Alessio Nuzzo. Premio Speciale all’attore Alhassan Jallow per Alex di Edouard Lemiale e Aretha Iskandar. Premio Speciale per la tematica sociale al cortometraggio “Libero” di Maurizio Rigatti. Premio Speciale alla cantautrice e attrice Manuela Zero per la colonna sonora di “Attack” di Davide Santi. Premio Speciale all’attore Vincenzo Vivenzio per “Sissy” di Eitan Pitigliani. Premio Speciale a Valentina Cerasuolo per i costumi di “Amore postatomico” di Vincenzo Caiazzo. Premio Speciale ad Angelo Cretella e Artemide Alfieri per il soggetto de “La carovana bianca”. Premio Speciale a Daniele Ciprì per il progetto collettivo di “La fornace”. Premio speciale alla “Cineteca della Calabria” a Eugenio Attanasio e Antonio Renda. Premio Speciale alla carriera all’attore Leo Gullotta. Premio Speciale al regista e Presidente della Giuria del Catania Film Fest 2022 Claudio Giovannesi. Premio Speciale all’artista Mario Venuti del film “Qualcosa brucia ancora” di Daniele Gangemi. Il festival è diretto da Cateno Piazza, Emanuele Rauco e Laura Luchetti e organizzato dall’Associazione Culturale “Alfiere Productions” di Daniele Urciuolo, con il sostegno della Regione Siciliana, Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo - Sicilia Film Commission, nell'ambito del Programma “Sensi Contemporanei” e “Fondo per lo Sviluppo e la Coesione”, con il patrocinio del Comune di Catania e altri partner pubblici e privati. Ringraziamo Zair Gioielli e Fonda Mood per il supporto, e tutti i partner e gli spettatori che hanno partecipato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A trionfare al Catania Film Fest quest'anno è stato "The dance of Ali and Zin”

CataniaToday è in caricamento