"Fund Rising Dinner", gara di solidarietà a sostegno della ricerca contro la fibrosi cistica

A presentare l’iniziativa di beneficenza, in programma martedì 4 ottobre, presso Radice Pura a Giarre, saranno l’ideatore Claudio Miceli, Liliana Modica, presidente comitato LIFC Messina, gli chef Pietro D’Agostino, 1 stella Michelin, rappresentante per la Sicilia dell’associazione Charming Italian Chef, e Seby Sorbello, presidente associazione provinciale Cuochi Etnei

Gli Chef Pietro d Agostino e Seby Sorbello

La solidarietà sarà ancora protagonista alla seconda edizione del Fund Rising Dinner a sostegno della ricerca contro la fibrosi cistica, con un partner d’eccezione quest’anno: l’associazione italiana CHIC - CHARMING ITALIAN CHEF. L’evento, ideato dall’imprenditore Claudio Miceli, sarà presentato lunedì, 26 settembre, nell’Aula rossa del Centro Congressi (edificio P) dell’ospedale Cannizzaro di Catania, alle 10, alla presenza, tra gli altri, del pastpresident della Società Italiana Fibrosi Cistica (SIFC), il professor Giuseppe Magazzù, ordinario di Pediatria del Policlinico Universitario di Messina.

La fibrosi cistica è la malattia genetica a decorso potenzialmente letale più frequente della razza bianca: colpisce circa 1 neonato su 3.500 nati.  In Sicilia, i pazienti sono circa 500, di cui 238 sono in cura attualmente nella struttura di eccellenza messinese, guidata da Giuseppe Magazzù e sostenuta dalla sezione Messina della LIFC, a cui saranno devoluti interamente i proventi della raccolta fondi. Il reparto del Centro FC di Messina, il primo a prendersi carico dei pazienti con FC in Sicilia e a sud di Napoli dalla fine degli anni ‘70, è allocato dal 10 Gennaio 1992 nel Padiglione NI del Policlinico Universitario di Messina ed è  sede di  sperimentazione di nuove terapie. 

 A presentare l’iniziativa di beneficenza, in programma martedì 4 ottobre, nella splendida e suggestiva cornice di Radice Pura a Giarre, saranno l’ideatore Claudio Miceli, da sempre vicino alla Lega Italiana Fibrosi Cistica, Liliana Modica, presidente comitato LIFC Messina, Sabrina Gagliano e Armanda Lombardo del consiglio direttivo, e gli chef Pietro D’Agostino, 1 stella Michelin, rappresentante per la Sicilia dell’associazione Charming Italian Chef, e Seby Sorbello, presidente associazione provinciale Cuochi Etnei

L’iniziativa “Fund Rising Dinner”, partita nel 2015, si arricchisce quest’anno della presenza di oltre 20 chef stellati, coordinati appunto da D’Agostino e Sorbello, con la collaborazione anche della Federazione Italiana Cuochi (FIC) e la Confederazione Pasticceri Italiani (CON.PA.IT) che gratuitamente si sfideranno ai fornelli in suggestivi cooking show per soddisfare il palato e aprire il cuore di quanti aderiranno all’iniziativa. 

Dal dolce al salato, dal pesce alle materie prime di un territorio fertile e generoso, saranno insieme per una straordinaria gara di solidarietà. Con lo stesso spirito solidaristico, parteciperanno alle serata, a partire dalle 19.30, l’anchorman Ruggero Sardo e l’attore Gino Astorina. E, naturalmente, una cinquantina almeno di sponsor, tra produttori, fornitori e albergatori.

E se Fund Rising Dinner è una giovane iniziativa destinata certamente a crescere grazie all’impegno degli organizzatori e all’entusiasmo di  tanti,  il raduno  dei miglior chef d’Italia sotto i piedi dell’Etna appunto “Etna Chic Chef”, è un appuntamento ormai consolidato, giunto quest’anno alla sua ottava edizione. 


Gli chef Chic che hanno aderito, accompagnati dal direttore nazionale dell’associazione Raffaele Geminiani: Pietro D’Agostino, patron de “La Capinera” di Taormina, Seby Sorbello, “Sabir Gourmanderie” di Zafferana Etnea, Lino Scarallo, di “Palazzo Petrucci” a Napoli; Paolo Barrale del “Marennà” a Sorbo Serpico (Av) Avellino; Angelo Sabatelli del “Ristorante Angelo Sabatelli” a Monopoli (Ba); Beppe Bonsignore de “L’Oste e il Sacrestano” a Licata (Ag); Accursio Capraro del “Accursio Restaurant” a Modica (RG); Roberto Pirelli del “Vi.Di” a Noto (Sr), Giuseppe Raciti dello “Zash Country Boutique Hotel” a Riposto (CT); Massimo Mantarro del  San Domenico Palace di Taormina, Tony lo Coco di Bagheria, Simone Strano Palazzo Montemartini di Roma, Alfio Visalli “Blu Lac academy” di Acireale. E ancora, Orazio Torrisi, Santino Tripoli, Lorenzo Scollo, Mario Failla, Piero La Torre, Angelo Raciti, Vincenzo Mannino, Andrea Macca, Elia Russo.

Di sorpresa in sorpresa all’interno dell’Etna Chic Chef approderà quest’anno, per la prima volta in Sicilia, il B2B in The Kitchen Tour, una Jam Session unica nel suo genere in cui territorio, aziende, prodotti si lasceranno osservare, raccontare, creare ed assaggiare. 
Dalla materia prima al piatto, l’evento sarà riservato ai giornalisti  di settore, martedì 4 ottobre, ore 10, alle Cantine Alta Mora di Cusumano, in contrada Verzella Castiglione di Sicilia (Ct).

I produttori e gli chef daranno vita a un divertente confronto, dando libero sfogo alla creatività: i primi si presenteranno con un paniere di primizie del territorio, i secondi improvviseranno un piatto, dimostrando di saper conoscere i prodotti, sperimentarli e proporli attraverso creazioni ed impieghi innovativi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento