I giovani di ATLAS in un giro d’Italia per cambiare il Paese attraverso le città

Partirà ufficialmente il 26 settembre da Villa San Giovanni il primo ATLAS TOUR, realizzato dall’organizzazione ATLAS con un intento chiaro: attraversare l’Italia in due settimane per raccogliere dai giovani studenti (ma non solo) idee per costruire un Paese diverso partendo dalle città in cui vivono, studiano e lavorano ogni giorno

Partirà ufficialmente il 26 settembre da Villa San Giovanni il primo ATLAS TOUR, realizzato dall’organizzazione ATLAS con un intento chiaro: attraversare l’Italia in due settimane per raccogliere dai giovani studenti (ma non solo) idee per costruire un Paese diverso partendo dalle città in cui vivono, studiano e lavorano ogni giorno. Le tappe previste sono tante: da Napoli a Roma, da Milano a Venezia e attraversano tutto lo stivale passando dalle città con più alta densità di giovani. “Lo scopo dell’ATLAS TOUR” -racconta Simone Dei Pieri, fondatore di ATLAS nel 2013- “è quello di dar voce a tantissimi studenti e giovani lavoratori che troppo spesso vengono ignorati ed accantonati, se non addirittura costretti ad andar via dal nostro Paese. Noi vogliamo incontrarli, ascoltarli e scambiare idee per migliorare le nostre città e cambiare, attraverso esse, il nostro Paese.” ATLAS è un’organizzazione nata a Catania nel 2013 da quattro studenti, che adesso opera in diverse città d’Italia e ha contatti in altri Paesi, tra cui Turchia e Uganda. Si occupa di istruzione, ambiente e sviluppo nelle zone del mondo più trascurate e spesso dimenticate. Il tutto in totale autofinanziamento. Ed è per questo che i giovani di ATLAS dal 15 luglio ’18 hanno lanciato una campagna crowdfunding (qui il link per aderire: bit.ly/iosostengoATLAS) per finanziare non solo il loro Tour ma anche e soprattutto per chiedere a tutti un piccolo sostegno per le attività di ATLAS, realizzate dividendo le spese e con il sostegno di chi vuole dare una mano, senza l’ausilio di fondi pubblici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento