menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Patent box: cos'è e come funziona

Il patent box è un regime di tassazione agevolato che può essere scelto da determinate categorie di soggetti che svolgono attività d'impresa

Come sancito dalla Legge 190/2014 il Patent Box è un regime opzionale di tassazione dei redditi d'impresa che deriva dall'utilizzo di software protetti da copyright, di brevetti industriali, di disegni e modelli, di processi, formule ed informazioni ed esperienze acquisite nel campo industrile, commerciale e scientifico, considerati giuridicamente tutelabili.

Coloro che ne vogliono beneficiare devono esercitare questa opzione in occasione della dichiarazione dei redditi: questa opzione è irrevocabile per i successivi 5 anni d'imposta.

Consente a tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dalla natura giuridica, dalla dimensione e dal settore produttivo di appartenenza, incluse le stabili organizzazioni in Italia di residenti in Paesi con i quali è in vigore un accordo per evitare la doppia imposizione e con i quali lo scambio di informazioni è effettivo, la parziale detassazione dei proventi derivanti dallo sfruttamento dei beni immateriali.

Sono escluse le società assoggettate alle procedure di fallimento, di liquidazione coatta amministrativa e di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi; in quest’ultimo caso, tuttavia, il beneficio spetta se la procedura è finalizzata alla continuazione dell’esercizio dell’attività economica. Inoltre, non possono accedere al regime agevolativo i contribuenti che determinano il reddito con metodologie diverse da quella analitica (regime forfetario, tonnage tax, società agricole che calcolano il reddito su base catastale, ecc.).

E' chiaramente necessario presentare apposita documentazione relativa al reddito agevolabile ed al possesso dei requisiti per ottenere questo tipo di tassazione. 

Attraverso il patent box è possibile escludere dalla base imponibile il 50% dei redditi derivanti dall'utilizzo di determinati beni immateriali (software protetto da copyright, brevetti industriali, disegni e modelli, processi, formule e informazioni relativi a esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico giuridicamente tutelabili) o dalla cessione degli stessi beni immateriali qualora il 90% del “ricavato” venga reinvestito nella manutenzione o nello sviluppo di altri beni immateriali prima della chiusura del secondo periodo di imposta successivo a quello nel quale si è verificata la vendita.

Si ritiene che in questo modo il mercato italiano possa essere maggiormente attrattivo per coloro che vogliono investire in quanto incentiva la collocazione in Italia dei beni immateriali che imprese italiane al momento hanno all'estero, incentiva il mantenimento dei beni immateriali in Italia (evitando che vengano trasferiti all'estero) e favorisce l'investimento in attività di ricerca e sviluppo. 

Indirizzi utili 

Ministero dello Sviluppo economico - Patent Box

Agenzia delle Entrate - Patent box

Revisione Patent box - Decreto del 28 novembre 2017

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Pulizie di casa - Proprietà e benefici dell'aceto

Salute

Ospedale Garibaldi Nesima, nuovi microscopi per l'oftalmologia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento