Caro-voli, è scontro tra i 5 Stelle siciliani e Nello Musumeci

Jose Marano (M5S) interviene sul caro voli e la mancata continuità territoriale e replicando all'assessore regionale ai Trasporti, Marco Falcone

Foto archivio

"Il Governo regionale, per l'ennesima volta, prosegue nel suo 'andamento lento' e poi, quando si trova con le spalle al muro per la sua incapacità, scarica le responsabilità sugli altri. Una lentezza che saranno costretti a pagare i siciliani di tasca propria con tariffe ingenti pur di fare ritorno a casa. Eppure la Giunta Musumeci, che si risveglia come una novella Biancaneve, sapeva benissimo la situazione, che gli avevo ricordato pure io con una mozione dello scorso ottobre". Lo dice la deputata del Movimento Cinque Stelle all'Assemblea regionale siciliana, Jose Marano, intervenendo sul caro voli e la mancata continuità territoriale e replicando all'assessore regionale ai Trasporti, Marco Falcone, che lunedì inoltrerà al Governo nazionale la richiesta di continuità territoriale per gli aeroporti di Palermo e Catania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I siciliani saranno costretti a pagare anche 400 euro pur di fare ritorno a casa durante le festività natalizie: una vergogna - aggiunge la pentastellata -. Mentre il presidente Musumeci pensa ai cavalli di Ambelia, trovando in tutta fretta altri cinque milioni di euro, lascia la Sicilia totalmente isolata. Con buona pace di chi è costretto a partire per motivi di salute, di studio e di lavoro e non certo per delle vacanze. Apprezziamo lo sforzo e l'impegno che il vice ministro Cancelleri sta mettendo in campo, garantendo soluzioni che potranno essere operative sin dalla prossima estate. Per queste vacanze natalizie, a causa della mancata capacità di governo e di rispondere alle esigenze dei siciliani da parte del governo Musumeci, i nostri conterranei saranno costretti a pagare l'ennesimo vergognoso salasso", conclude Marano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo decreto: che cosa chiude e cosa resta aperto a Catania

  • Coronavirus, in Sicilia 936 persone attualmente positive: a Catania sono 288

  • Coronavirus, aumentano anche le vittime a Catania: morto 84enne

  • Coronavirus, tre guariti all'ospedale Garibaldi curati con farmaco sperimentale

  • Positiva al Covid-19, prende due aerei e a Catania un taxi: adesso è ricoverata

  • Coronavirus, azienda catanese lancia mascherine in silicone con stampa 3D

Torna su
CataniaToday è in caricamento