Cdr ufficio stampa della Regione: diffidati due dirigenti

La diffida dell'organismo sindacale segue la nota del 10 dicembre inviata ai 21 giornalisti nella quale si comunica che la quota dello stipendio di novembre relativa ai giorni dal 10 al 30, già erogata dalla Regione, sarebbe stata trattenuta nella 13/ma

Il Comitato di redazione dell'ufficio stampa della Presidenza della Regione siciliana, ha formalmente diffidato, ai sensi dell'articolo 34 del Contratto nazionale di lavoro dei giornalisti, ''in assenza di provvedimento relativo'', il dirigente generale del dipartimento regionale della Funzione pubblica Giovanni Bologna e il dirigente del servizio gestione economica dello stesso dipartimento, Maria Grazia Giuffrida ''dall'attuare ogni iniziativa unilaterale tendente ad alterare lo status quo dei 21 giornalisti lavoratori dipendenti dell'ufficio stampa''.

E' quanto si legge in una nota del Cdr. La diffida dell'organismo sindacale segue la nota del 10 dicembre inviata ai 21 giornalisti nella quale si comunica che la quota dello stipendio di novembre relativa ai giorni dal 10 al 30, già erogata dalla Regione, sarebbe stata trattenuta nella 13/ma mensilità, e che questa sarebbe stata calcolata fino al 9 novembre scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

''I giornalisti - dice la nota - hanno invece regolarmente prestato servizio fino al 6 dicembre, come facilmente dimostrabile anche dallo stesso presidente Crocetta che ha rilasciato diverse interviste al Tgweb edito dall'ufficio stampa. Un'altra decisione, quindi, ancora in palese violazione di norme di legge che non ammettono la retroattività della "comunicazione di cessazione del rapporto di lavoro", che è datata 4 dicembre, e il contratto collettivo che all'art 28 prevede che 'lo stipendio ed ogni altro assegno mensile fisso cessano con la fine del mese nel quale sia avvenuto il licenziamento'''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento