rotate-mobile
Politica

Consiglio comunale, scontro tra il presidente Castiglione e la grillina Adorno

Sotto accusa finiscono le parole utilizzate dalla pentastellata dopo la bocciatura di un atto. Il presidente ha chiesto all'ufficio legale di "verificarle"

Dopo le dure parole utilizzate dalla consigliera del M5S Lidia Adorno in merito alla bocciatura di un atto relativo al controllo dei buoni spesa il presidente del civico consesso Giuseppe Castiglione ha inviato una lettera formale all’avvocatura comunale in cui chiede di “valutare l’eventuale esistenza di un’infrazione relativa alla reputazione dei singoli Consiglieri, sia personale che relativamente all'esercizio dell’attività istituzionale, da parte della consigliera".

Nella lettera alla direzione Affari Legali, Castiglione evidenzia come la consigliera abbia “esternato pesanti accuse nei confronti dell’operato del Consiglio Comunale, che nella seduta del 10 giugno ha espresso il voto non favorevole sull’ordine del giorno presentato".

Per queste ragioni il presidente del civico consesso ha chiesto agli avvocati comunali “una verifica urgente per la potenziale violazione delle prerogative dell’organo consiliare”. Uno scontro che non si è consumato direttamente in aula ma che potrebbe avere rivoli giudiziari. A onor del vero proprio in consiglio il sindaco, sollecitato sulla proposta grillina di passare gli elenchi dei beneficiari dei raggi x, aveva assicurato che vi erano stati controlli stringenti per la stragrande maggioranza di chi ha ricevuto l'agevolazione.

Sui social la Adorno ha ribadito le "basi fondative" dell'ordine del giorno che chiedeva lo screening dei fruitori dei buoni da parte delle forze dell'ordine.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio comunale, scontro tra il presidente Castiglione e la grillina Adorno

CataniaToday è in caricamento