Ars: "Bella ciao" in coro per salutare Raffaele Lombardo

Il discorso di Lombardo all'Assemblea regionale siciliana. Poco piu' di 40 persone hanno salutato, davanti all'Assemblea regionale siciliana, le dimissioni dalla Regione intonando la canzone "Bella ciao"

''In un momento del genere, in un momento di crisi, è necessario che il presidente della Regione possa esercitare appieno le sue prerogative, che non sia indebolito nel suo ruolo. Per me purtroppo non è cosi' dal 29 marzo 2010 a causa della mia vicenda giudiziaria, giocata abilmente sul piano mediatico con una ben orchestrata fuga di notizie, mentre nei fatti al governatore non e' stato consentito dopo due anni e quattro mesi di essere interrogato''. Lo ha detto il presidente della Regione, Raffaele Lombardo, nel suo discorso all'Assemblea regionale siciliana in cui ha annunciato le dimissioni.

''Per ben tre volte la pubblica accusa ha chiesto l'archiviazione - ha proseguito -. Non solo non e' stato disposto, ma non e' stato nemmeno chiesto un rinvio a giudizio. Da cittadino semplice, libero dalla mia carica, avro' il diritto e il dovere di far conoscere ai cittadini la verita' sull'indagine. Cosi' si potra' mettere in discussione una sentenza gia' emessa e pubblicizzata''.

Poco piu' di 40 persone hanno salutato, davanti all'Assemblea regionale siciliana, le dimissioni dalla Regione intonando la canzone 'Bella ciao'. Il palazzo dei Normanni e' presidiato da decine di poliziotti dopo la protesta dei precari che oggi hanno manifestato per tutto il giorno davanti all'Ars proprio mentre era in corso la seduta d'aula in attesa delle dimissioni del governatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento