menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni comunali, Raffaele Stancanelli apre la campagna elettorale

"Io sono un uomo del centrodestra e qui stasera mi ritrovo con tutti: il Pdl, gli amici della Destra del mio amico Nello Musumeci, gli autonomisti e soprattutto le esperienze civiche", ha dichiarato Stancanelli

In questi cinque anni è stato il Sindaco di tutti i cittadini e vuole continuare nel suo impegno. Con questo appello, il Sindaco Raffaele Stancanelli ha aperto ufficialmente assieme alla coalizione di liste che lo sostiene, la campagna elettorale per il  secondo mandato da primo cittadino.
 
A sostenerlo oltre 2000 partecipanti al centro fieristico Le Ciminiere di Catania. Presenti i rappresentanti delle liste civiche e del Popolo della Libertà (Pdl) e gli assessori designati: Sonia Grasso, Nuccio Condorelli, Ruggero Razza, Carmencita Santagati, Sergio Parisi, Ester Di Bartolo. Assente Claudio Corbino. Ad introdurre l’incontro, gli interventi di Salvo Pogliese, vicepresidente dell’Ars, Antonio Scavone, Senatore della Repubblica, Giovanni La Via, eurodeputato, Gino Ioppolo, deputato regionale, Giuseppe Castiglione, Sottosegretario all’Agricoltura che ha dichiarato: “Stancanelli è il miglior Sindaco per Catania e il Pdl è con lui senza se e senza ma. Abbiamo sperimentato e verificato la serietà e il rigore della sua azione che non può che essere completata nell’interesse dei cittadini di Catania”. “Siamo con te Raffaele perché la tua vittoria è la nostra affermazione del Popolo della Libertà”, ha concluso Castiglione.
 
Nel ringraziare tutti gli intervenuti, Raffaele Stancanelli ha illustrato le linee guida della sua idea di rilancio della città dopo il risanamento al quale ha lavorato, con passione e serietà, in questi anni.
 
"Io sono un uomo del centrodestra e qui stasera mi ritrovo con tutti: il Pdl, gli amici della Destra del mio amico Nello Musumeci, gli autonomisti e soprattutto le esperienze civiche– ha dichiarato Stancanelli- Ho l’ambizione di voler dire che una classe dirigente del centrodestra ha amministrato bene Catania e deve continuare con l’opera di risanamento e sviluppo di questa città. Mi presento ancora con un impegno operativo e concreto. Abbiamo amministrato eliminando le spese superflue e inutili, riducendo il debito e puntando all'efficienza, ai giovani, all'innovazione, al rispetto per l’ambiente”.
 
“Abbiamo liberato corso Martiri della Libertà con umanità e non facendo intervenire la polizia. Lì è il nuovo cuore di Catania, frutto dell’accordo per il risanamento dopo sessant’anni di immobilismo-ha continuato Stancanelli- Abbiamo dialogato con la cultura, con gli ordini professionali, con i sindacati, con la società civile nell’interesse della comunità”.
 
Stancanelli ha accennato al Piano regolatore generale, rimasto fermo in consiglio comunale:“Solo ignobili giochetti politici hanno fermato l’approvazione  di uno strumento urbanistico moderno e innovativo realizzato con professionalità interne e con l’Università, dopo venti anni di attese e spese per inutili consulenze. Mi impegno – ha garantito il sindaco- a farlo approvare in meno di un mese tempo con la mia nuova maggioranza in consiglio comunale, per far ripartire l’edilizia e rigenerare il centro storico”
 
“Dopo tutto questo lavoro di recupero della città, fatto con sacrificio e dedizione, senza seguire ideologie politiche ma nel solo interesse cittadino – ha precisato Stancanelli -non si può tornare indietro a quando si considerava l’ente locale come ente di potere. Tutti gli uomini che hanno usato Scapagnini adesso sono incoerentemente con quello che li ha sempre disprezzati. Senza dimenticare che le liste degli avversari sono piene di esponenti di centrodestra che, ora, rischiano di essere escluse. Si vergognino”.
 
“In questi cinque anni abbiamo messo Catania in sicurezza guardando al risultato, senza fare politica. Abbiamo lavorato per dare illuminazione a una città lasciata al buio. Abbiamo dato spazio alle donne, più considerazione alle periferie, più partecipazione, più spazi per le associazioni, più cultura e università, più trasparenza. Senza sperperi, abbiamo rinunciato alle grandi feste estive e natalizie che facevano fare bella figura a qualcuno”.

 
Stancanelli ha, infine, sottolineato di aver voluto puntare su una campagna elettorale sobria, da fare in mezzo alla gente senza esagerazioni: “Puntiamo ai fatti concreti, pochi manifesti ma tanto lavoro. No alle affissioni che abbrutiscono la città, costano tanto e rispondono solo ad un bisogno di apparizione. Nessuna promessa e solo fatti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Arredare

Soffitto: alcune idee per valorizzarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento