rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

Lega, la frase sulla Mafia di Angela Maraventano: le reazioni

Fabio Cantarella, segretario regionale Lega:"Ossimoro insoistenibile". La deputata Suriano (M5S): "Il nostro esempio è quello di chi ha combattuto la mafia"

“Sono certo che Angela Maraventano nella foga del suo intervento a Catania abbia prodotto senza rifletterci un ossimoro che è evidentemente insostenibile” lo afferma Fabio Cantarella, vice segretario regionale della Lega Sicilia Salvini Premier. “La mafia buona non esiste - continua Cantarella - è un cancro che tutti noi combattiamo e che danneggia il nostro territorio. Su questo tema per la Lega non ci sono mediazioni o eccezioni e le battaglie condotte nelle istituzioni dagli amministratori locali della Lega lo confermano nei fatti, a partire da Catania dove abbiamo condotto una vera e propria guerra alle infiltrazioni mafiose nel sistema dei rifiuti ma anche al precedente sistema criminale fatto di inchieste e arresti". Anche la deputata del M5S Simona Suriano è intervenuta con una nota: “Non so in che Sicilia ha vissuto Angela Maraventano, io so di essere nata e cresciuta ammirando l’esempio chi la mafia l'ha combattuta sul campo e in quella  battaglia ha perso la vita ma mai la dignità. La mia Sicilia è quella di Falcone, Borsellino, Chinnici, Pippo Fava e tanti altri martiri coraggiosi che non sono scesi a patto con il malaffare. Per me la mafia, quella di adesso, quella di prima e in tutte le sue manifestazioni rimane una quella ben descritta da Salvo Lo Cascio nella sua memorabile interpretazione di Peppino Impastato, ovvero una “montagna di merda”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lega, la frase sulla Mafia di Angela Maraventano: le reazioni

CataniaToday è in caricamento