Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Scordia, Saitta (M5S): "Beni confiscati al boss Biancoviso, il Comune dia riscontro alle associazioni"

In città vi sono diversi beni confiscati alla mafia allo stato ancora non riutilizzati per fini pubblici e sociali

Il deputato alla Camera, capogruppo M5S in Commissione Giustizia, Eugenio Saitta è intervenuto per perorare la richiesta proveniente dal mondo delle associazioni antimafia di Scordia, città nella quale vi sono diversi beni confiscati alla mafia allo stato ancora non riutilizzati per fini pubblici e sociali. “Rivolgo innanzitutto un plauso all’azione delle realtà associative antimafia presenti a Scordia e nel Calatino e ringrazio in particolare l’associazione Asaes per aver messo in luce, con un opportuno intervento, la necessità di mettere a bando e di riutilizzare i beni confiscati alla criminalità organizzata”, dice Saitta. “Difatti i diversi beni confiscati a Rocco Bonviso, referente dei Santapaola Ercolano, adesso sono un patrimonio pubblico che deve essere reimmesso in circolo, nel circolo della legalità, dell’antimafia, del benessere sociale e collettivo. Lo prevede la legge e occorre dare seguito ad essa: per questo occorre che l'amministrazione comunale, con il sindaco in testa, dia un segnale preciso e rompa il silenzio su questa vicenda. Non si può aspettare oltre: dobbiamo dare ai cittadini ciò che la mafia con i suoi tentacoli ha tolto, quindi socialità, economia legale. Auspico quindi che venga dato subito seguito alla richiesta dell’associazione Asaes e che presto questi beni possano divenire patrimonio collettivo da valorizzare con iniziative nel solco della legalità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scordia, Saitta (M5S): "Beni confiscati al boss Biancoviso, il Comune dia riscontro alle associazioni"

CataniaToday è in caricamento