Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Catania conta i danni del maltempo: chiese allagate e negozi devastati | VIDEO

Alle inondazioni di ieri pomeriggio che hanno fatto registrare decine di interventi dei vigili del fuoco, si aggiungono quelle di oggi che hanno provocato enormi danni ad abitazioni private, negozi, scuole, mezzi di trasporto e perfino ad alcune chiese

 

La bomba d'acqua che ha investito in pieno Catania era stata prevista dalle previsioni meteo, ed anticipata dai già devastanti effetti del ciclone Zorbas, che pochi giorni fa si è abbattuto sulle nostre coste, facendo tabula rasa dei lidi. Eppure i danni, anche questa volta, non sono mancati. Alle inondazioni di ieri pomeriggio, che hanno fatto registrare decine di interventi dei vigili del fuoco, si aggiungono quelle di oggi che hanno provocato enormi danni ad abitazioni private, negozi, scuole, mezzi di trasporto e perfino ad alcune chiese. La cripta di San Gaetano, in piazza Carlo Alberto, è allagata da oltre un metro d'acqua. Tanto che perfino i santi e l'altarino non si vedono più, spariti sotto il fango nauseabondo fuoriuscito dai tombini.

"Li abbiamo liberati noi, erano totalmente ostruiti dai rifiuti che i venditori della fiera lasciano qui tutti i giorni", spiega un volontario con gli stivali, arrivato qui per dare una mano al prete. Il panificio accanto non se la passa meglio. Ci sono almeno 15 centimetri d'acqua in bottega. Il proprietario è corso in bici, da Melilli, per svuotare il laboratorio a colpi di secchio. Di fronte alcuni ragazzi di colore si danno da fare per ripulire il marciapiede dai detriti.

"Diamo una mano anche noi ai negozianti. Qui la pioggia ha invaso le nostre case in pochi minuti", spiegano mostrando i video sul cellulare. Accanto una Panda allagata che non parte: una delle tante auto fuoriuso, in questo pomeriggio di ordinaria follia catanese. Così ordinaria che i negozianti di via Etnea quasi si sono rassegnati a dover affrontare ogni autunno lo stesso problema. Ed ancora una volta si rimboccano le maniche, pulendo le botteghe che per oggi resteranno chiuse al pubblico.

Tutta la via più importante di Catania è devastata: qui si riversa l'acqua dei paesi etnei, che scende con una forza tale da sdradicare piante, tavoli e perfino le fermate dell'Amt. Da poco sono riprese le corse, prima interrotte per il maltempo che anche domani non darà tregua alla città. Il Comune ha disposto, stavolta, la chiusura delle scuole. Una misura che di certo non servirà a limitare i danni, ma permetterà ai tecnici di verificare se gli istituti hanno subito delle lesioni o danneggiamenti tali da mettere a repentaglio la sicurezza degli studenti.

Potrebbe Interessarti

Torna su
CataniaToday è in caricamento