menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Acireale, è lutto cittadino ma il Carnevale continua

La decisione arriva mentre sono ancora in corso le ricerche del terzo ragazzo disperso a Santa Maria La Scala

Il Carnevale di Acireale continua: questa la decisione annunciata dall'amministrazione comunale e dai vertici della Fondazione in conferenza stampa oggi. "Da padre e da cittadino posso dire che per me il carnevale è finito domenica pomeriggio - ha commentato il sindaco Stefano Alì – Assistendo di persona alle operazioni di ricerca ho provato dolore e sconforto, soprattutto quando venivano ritrovati gli effetti personali dei poveri ragazzi. Ma come primo cittadino devo anche tutelare il Carnevale che rappresenta un patrimonio per la nostra città". 

Un sentimento che nelle ultime ore è condiviso da tanti acesi che piangono ancora la scomparsa di Margherita Quattrocchi, di Lorenzo D'Agata e di Enrico Cordella che risulta ancora disperso. I tre giovani si trovavano nell'auto caduta in mare nel porticciolo di Santa Maria la Scala, frazione marinara di Acireale, a causa del maltempo. Sui social monta, però, la polemica con commenti che gridano alla "vergogna" e alla mancanza di sensibilità delle istituzioni cittadine. 

"Manteniamo l'organizzazione apportando alcune modifiche concordate con la Fondazione per dare un segnale - ha continuato il primo cittadino -  Ho proclamato il lutto cittadino per domani 27 febbraio, una decisione che ho comunicato personalmente ai genitori delle vittime. Ci sarà un momento di ricordo, una fiaccolata che si terrà nella frazione di Santa Maria La Scala, in cui la comunità si raccoglierà in preghiera. Sarà un momento di condivisione del dolore non solo religioso ma anche civile".

Anche i vertici della Fondazione del Carnevale hanno espresso dolore e comprensione per il dramma vissuto dalle famiglie: “Durante la riunione con il sindaco abbiamo cercato di trovare una soluzione che potesse prevedere uno slittamento o una sospensione - ha affermato il presidente Orazio Fazzio - ed eravamo in seria difficoltà. Ma sono stati i giovani che partecipano attivamente ai festeggiamenti a indicarci la strada da seguire: ci hanno suggerito di non annullare gli eventi in programma poiché proprio lo svolgimento delle iniziative rivolte ai giovani sarà il modo migliore per onorare il ricordi dei tre ragazzi".

Una cosa è certa: questa edizione del Carnevale di Acireale sarà ricordata a lungo, e non solamente per le polemiche legate al pagamento del ticket di partecipazione. La tragedia di Santa Maria La Scala ha segnato in maniera indelebile la città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Come arredare o abbellire il corridoio

Salute

Vitamina E - Proprietà e benefici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento