Acireale, sottrae 155 mila euro al nonno ultra novantenne: polizia indaga

Un signore acese del 1922 vedovo e senza figli aveva promesso ad una delle sue nipoti di donarle una piccola somma di denaro euro 2.000 o 3.000. La nipote ha quindi accompagnato lo zio all'ufficio postale, ma ha prelevato ben 155 mila euro, facendo apporre la firma del nonno

I carabinieri di Acireale hanno aperto un'indagine su un caso di probabile truffa ad un anziano per mano di un familiare. Nella fattispecie, un signore acese del 1922 vedovo e senza figli aveva promesso ad una delle sue nipoti di donarle una piccola somma di denaro (euro 2.000 o 3.000) per contribuire all’acquisto della casa del suo pronipote. La nipote ha quindi accompagnato lo zio all'ufficio postale per prelevare quella somma ma, invece che 3mila, ha prelevato 155mila euro facendo apporre la firma del nonno senza che questo se ne rendesse conto.

Dopo qualche giorno il 93enne si è accorto di quanto accaduto e ha cercato di farsi restituire il denaro, senza riuscirci. Trattandosi dei risparmi di tutta una vita e rimanendo solo con qualche migliaio di euro nel conto, si è rivolto alle forze dell'ordine. I militari hanno quindi individuato la presunta colpevole, chiesto il sequestro preventivo della somma in modo da evitare che la nipote potesse spenderla e ha avviato un'indagine nei confronti dei familiari coinvolti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento