Aeroporto, sequestrati capi contraffatti: Armani, Nike e Calvin Klein

Nel voluminoso bagaglio da stiva i militari ed i funzionari hanno rinvenuto 80 capi di vestiario che falsamente riproducevano i marchi e loghi registrati di note griffe internazionali

I finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Catania insieme ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nell’ambito degli ordinari controlli doganali svolti presso l’aeroporto di Catania Fontanarossa, hanno sottoposto ad ispezione un passeggero del Marocco, di rientro dal suo paese con n volo proveniente da Casablanca, il quale trasportava nella valigia confezioni di capi di abbigliamento contraffatti.

In particolare, nel voluminoso bagaglio da stiva i militari ed i funzionari hanno rinvenuto 80 capi di vestiario che falsamente riproducevano i marchi e loghi registrati di note griffe internazionali, costituiti da polo “Armani”, “Calvin Klein” ed “Harmont & Blaine”, calzature sportive ”Nike” nonché altri accessori di abbigliamento.

I prodotti, di pregevole fattura e tali da ingannare gli ignari acquirenti sulla reale provenienza illecita, sono stati sottoposti a sequestro e il cittadino straniero, regolarmente residente nel territorio italiano, in particolare nella provincia di Siracusa, è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria etnea per illecita introduzione nel territorio dello Stato di merci contraffatte

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento