Allarme scuola Fontanarossa, i genitori: "Cattivo odore e rischio sicurezza"

Sopralluogo organizzato dal presidente della sesta municipalità, Lorenzo Leone, alla scoperta di una zona periferica della città: Collina Primo Sole. Qui è alto il rischio sicurezza e viabilità per i bambini dell'istituto Fontanarossa. Nelle vicinanze anche una discarica che rende l'aria irrespirabile

Odore nauseabondo, rischio sicurezza e viabilità. Sono problemi vicini alla scuola “Fontanarossa” della frazione di Collina Primo Sole, ma distanti per il resto della città, che sembra aver dimenticato una parte della città che si trova in prossimità della zona industriale e a circa13 km dal centro.

Eppure qui vivono circa 8000 abitanti che rivendicano diritti a gran voce. Il sopralluogo organizzato quest’oggi dal presidente della sesta municipalità, Lorenzo Leone, alla presenza dell’ingegnere Di Guardo della Provincia di Catania, della preside della scuola Fontanarossa, dottoressa Tuminia, e dei genitori dei bambini, spezza in maniera forte il silenzio calato inspiegabilmente nei confronti di questa frazione di Catania.

La scuola Fontanarossa, che accoglie bambini dalle classi materne alle medie, è l’unica del quartiere e lotta tutti i giorni con una realtà difficile. A breve distanza, una vera e propria discarica a cielo aperto rende irrespirabile l’aria, fino a causare senso di vomito e nausea. A questo si aggiunge il rischio sicurezza rappresentato dalla strada SP 212, limitrofa al plesso.

Come segnalato dal presidente Leone “ogni giorno transitano qui mezzi pesanti, nonostante sia vigente un divieto di percorrenza”. Un rischio questo per genitori e bambini. “Non si vedono mai vigili e carabinieri” tuonano le mamme. Rassicurazioni arrivano, dopo la riunione tecnica di oggi, dall’ingegnere Di Guardo, che spiega come “la sicurezza della strada sarà implementata aggiungendo bande sonore per limitare la velocità dei veicoli, nuova cartellonistica che indicherà la vicinanza della scuola e semafori lampeggianti”.

Misure queste che sarebbero indirizzate a limitare i pericoli, come spera anche la preside della scuola, la dottoressa Tuminia: “Le procedure che la nuova amministrazione sta cercando di avviare ci rendono fiduciosi. L’impegno portato avanti non riguarda solo la messa in sicurezza della viabilità,ma anche nuove misure per ampliare gli spazi interni della scuola, spesso insufficienti per i bambini”. L’istituto Fontanarossa, infatti, è una vecchia caserma militare, dove naturalmente gli ambienti sono piccoli e ospitano le classi dei bambini.

Le mamme, accorse numerose all’incontro, oltre a lamentare l’odore irrespirabile della zona, chiedono anche nuovi spazi sociali per i loro figli, che al di fuori della scuola non hanno attualmente luoghi ricreativi. Problematiche queste attenzionate dal presidente della sesta municipalità Leone, e dal vicepresidente Cannavò, che si fanno veri e propri portavoce nei confronti dell’amministrazione. “Non dimentichiamo il problema in caso di piogge – conclude Leone – occorre infatti ripristinare l’azione dei canali di scolo presenti nei pressi della scuola, onde evitare allagamenti e ulteriori pericoli”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Sparatoria in centro commerciale dopo litigio: un ferito grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento