Arrestati due estortori: chiedevano 15mila euro per 'stare tranquilli'

Avevano preso di mira un cantiere allestito in territorio catanese per la costruzione di un impianto di compostaggio per la trasformazione dei rifiuti solidi urbani

Due pregiudicati ritenuti vicini al clan Nardo di Lentini, diretta diramazione della famiglia mafiosa dei Santapaola-Ercolano di Catania, avevano preso di mira un cantiere allestito in territorio catanese per la costruzione di un impianto di compostaggio per la trasformazione dei rifiuti solidi urbani e degli scarti di produzione agricola e industriale biodegradabili (VIDEO).

“Quindicimila euro per stare tranquillo”, ripartiti in tre tranche da cinquemila euro cadauna, è stata la richiesta degli estortori, che ha indotto l’imprenditore a rivolgersi ai militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Catania, i quali hanno installato cimici e telecamere all’interno del cantiere, inchiodando i due estortori alle proprie responsabilità e bloccandoli subito dopo aver riscosso la prima tranche dalle mani dell’imprenditore. Dopo le formalità di rito, gli arrestati sono stati rinchiusi nella casa circondariale di “Catania – Bicocca”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento