Festeggiano con un fucile rubato, arrestati due fratelli

Il fucile marca Franchi, che sarà sottoposto ad esami tecnico-balistici, era stato rubato nel 2009 ad Aci Sant’Antonio

I carabinieri di Santa Maria di Licodia hanno arrestato i fratelli Giuseppe e Cosimo Cancemi che ieri sera, durante i festeggiamenti di Capodanno, hanno pensato bene di sparare con un fucile a canne mozze. Sono stati denunciati per detenzione di armi comuni da sparo, ricettazione, evasione e minaccia a pubblico ufficiale.

Erano inoltre sottoposti l’uno agli arresti domiciliari e l’altro all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, sono stati colti in flagranza dai militari operanti mentre davanti casa maneggiavano un fucile semi automatico a canne mozze per sparare allo scoccare della mezzanotte. Immediatamente bloccati, hanno anche inveito contro i carabinieri che hanno proceduto ad effettuare un’approfondita perquisizione dei luoghi. Il fucile marca Franchi, che sarà sottoposto ad esami tecnico-balistici, era stato rubato nel 2009 ad Aci Sant’Antonio. Si trovano ora a piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento