Bellavista Caltagirone indagato per minacce al Comune di Imperia

Nell'ambito dell'indagine sul Porto di Imperia, il patron di Acqua Marcia Francesco Bellavista Caltagirone, in carcere dal 5 marzo scorso per truffa aggravata, è indagato anche per violenza e minaccia a un corpo politico

Nell’ambito dell’indagine sul Porto di Imperia, il patron di Acqua Marcia Francesco Bellavista Caltagirone, in carcere dal 5 marzo scorso per truffa aggravata, è indagato anche per violenza o minaccia a un corpo politico. È quanto emerge dalla lettura dell’avviso di conclusione delle indagini notificato ieri dalla procura imperiese agli avvocati di Caltagirone.

Secondo il pm Maria Antonia Di Lazzaro, l’imprenditore "usava minaccia nei confronti del Comune e del Consiglio Comunale di Imperia per impedirne e turbarne l’attività".

"In particolare - si legge nel provvedimento - durante le conversazioni telefoniche, intercorse in particolare con Carlo Conti (l’ex direttore generale della Porto Imperia spa, a sua volta arrestato nell’ambito della stessa inchiesta, ndr), dichiarava che se il Comune non avesse fatto blocco unico e non avesse difeso il porto, lui avrebbe ´sparato a zero’ contro il Comune, che l’onorevole Claudio Scajola doveva intervenire per `mettere in riga i suoi uomini".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento