Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Lavoratori in nero e irregolari: blitz della finanza in un call center della provincia

Corrispettivo fisso mensile in favore dei lavoratori, adeguato ai minimi sindacali di settore e lavoratori assunti senza alcuna traccia della "retribuzione minima garantita" e retribuzione legata inoltre alla produttività. Queste alcune delle irregolarità venute a galla

Corrispettivo fisso mensile in favore dei lavoratori, adeguato ai minimi sindacali di settore e lavoratori assunti senza alcuna traccia della “retribuzione minima garantita” e retribuzione legata alla produttività. Queste alcune  delle irregolarità scoperte in un blitz operato dalla Guardia di Finanza all'interno di un call center della provincia etnea.

Il controllo, svolto dai militari della Tenenza di Acireale, è stato centrato sui contratti di collaborazione a progetto. I contratti esaminati, in base alle disposizioni in vigore fino al giugno del 2013, avrebbero dovuto mettere i lavoratori nelle condizioni di svolgere la loro attività in favore del call center in modo autonomo e senza i vincoli tipici del lavoro subordinato.

A conclusione delle attività sono stati segnalati alla Direzione provinciale del Lavoro sette lavoratori completamente in nero e 330 irregolari. Nei confronti della società sono state proposte le sanzioni amministrative previste dalla normativa di settore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori in nero e irregolari: blitz della finanza in un call center della provincia

CataniaToday è in caricamento