Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Caltagirone, consulenze a titolo gratuito: i professionisti chiedono revoca del bando

Gli ordini professionali degli Architetti, degli Ingegneri e dei Geometri chiedono all'amministrazione di ritirare l'avviso pubblico e diffidano i loro iscritti a partecipare

Analisi dei fenomeni urbani a supporto delle strategie di sviluppo della Città di Caltagirone: attività che, secondo il bando pubblicato dall'amministrazione calatina, necessitano della costituzione di un gruppo di lavoro multidisciplinare composto da cittadini, professionisti, associazioni, esperti. Un insieme di professionalità e competenze che però - nel rispetto dei sempre più frequenti appelli delle amministrazioni locali alla “politica partecipata” - dovrebbero svolgere le attività di consulenza a titolo gratuito. A prendere posizione contro questo avviso pubblico sono stati gli ordini professionali degli Architetti, degli Ingegneri e dei Geometri, che con una nota congiunta hanno chiesto al sindaco Gino Ioppolo di revocare l'avviso e contestualmente hanno diffidato gli iscritti ai loro albi a partecipare.

Le attività che il gruppo di lavoro dovrebbe svolgere sono, tra le diverse elencate: lo studio preliminare per il Piano particolareggiato del centro storico, comprensivo di analisi e rilievo delle strutture urbane, delle emergenze storico-monumentali da valorizzare, degli spazi di relazione; la realizzazione degli elaborati richiesti dalla legge regionale n. 13 del 10 luglio 2015 al fine di favorire il recupero del patrimonio edilizio di base del centro storico; una proposta sulla viabilità, sulla pedonalizzazione, sui parcheggi nel centro storico. “Questo tipo di attività affidata al gruppo di lavoro è riconducibile senza alcun dubbio a prestazioni professionali di esclusiva competenza degli iscritti ai nostri ordini professionali”, si legge nel documento sottoscritto da Giuseppe Platania, Alessandro Amaro e Agatino Spoto, rispettivamente presidenti degli Ingegneri, degli Architetti e dei Geometri. I professionisti evidenziano dunque le difformità del contenuto del bando, sia dal punto di vista normativo per la legge sull'equo compenso, che deontologico. “Si diffidano gli iscritti a partecipare alla procedura o a ritirare la propria candidatura se già trasmessa, avvisando sin da ora che, in caso contrario, saranno deferiti ai Consigli di Disciplina Territoriale per violazione del codice deontologico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caltagirone, consulenze a titolo gratuito: i professionisti chiedono revoca del bando

CataniaToday è in caricamento