La Caritas non molla: i volontari preparano i panini a casa

Si lavora per riorganizzare la riapertura dei servizi che dovrebbero riprendere verso la metà di aprile, nel piazzale antistante l'Help Center con la distribuzione di pasti

Continuano in varie parti della città le iniziative di solidarietà in favore dei più deboli. La Parrocchia di Santa Maria della Mercede di Catania, in via Caronda, prosegue l'assitenza ai bisognosi di Catania. La Caritas parrocchiale è sempre stata in stretto contratto con l'Help Center della stazione centrale, tramite la donazione di offerte economiche o alimenti. Dopo la sospensione del servizio mensa, in seguito all'impossibilità di far rispettare le misure anti-contagio previste dall'autorità pubblica, i fedeli si sono rimboccati le maniche e si sono riorganizzati. "Diversi parrocchiani hanno cominciato a preparare i panini in casa – ha spiegato Padre Olivarius Kalupale, vice Parroco della Parrocchia – che poi per due volte alla settimana vengono consegnati alla Comunità di Sant'Egidio che si occupa della distribuzione".

A San Giorgio, la Caritas della parrocchia Beato Padre Pio da Pietrelcina ha da sempre un legame speciale con il sostegno agli ultimi. Il parroco è don Piero Galvano, direttore della Caritas Diocesana, che ha voluto raccontare il costante impegno dei suoi parrocchiani. "Nelle ultime settimane, con l'intensificarsi dell'emergenza, non abbiamo fatto mancare il nostro sostegno, come parrocchia e come Caritas, con la preghiera e attraverso l'acquisto di beni materiali, tra cui un centinaio di litri di olio, e adesso abbiamo lanciato un'ulteriore raccolta di tonno in scatola". Dalla periferia al centro città, dove la parrocchia Santissimo Crocifisso dei Miracoli dei Padri Gesuiti di via Pantano è un'altra realtà particolarmente sensibile. Le famiglie più bisognose, in tempi di normalità, vengono assistite direttamente col porta a porta mentre settimanalmente si raccolgono donazioni per l'Help Center della Caritas Diocesana che, per una volta a settimana e per una domenica al mese, vede preparare e servire in mensa un gruppo della Caritas parrocchiale.

"Con l'emergenza abbiamo dovuto convertire le nostre donazioni di beni alimentari di prima necessità e a lunga conservazione – ha raccontato Padre Narciso Sunda, gesuita, parroco della parrocchia del Santissimo Crocifisso dei Miracoli – in olio d'oliva, tonno e sottilette, così da permettere la preparazione dei panini. Adesso, alcuni parrocchiani, con tutte le precauzioni del caso, distribuiscono pasti per strada, e poi collaboriamo con diverse associazioni e ci stiamo attivando per la distribuzione di buoni spesa. E' un momento difficile ma sentiamo un grande e profondo attaccamento nei confronti dei più bisognosi e anche nei riguardi della parrocchia. Non solo parrocchie, ma anche associazioni continuano a resistere alle avversità di questo periodo. "Stiamo lavorando tutti in sinergia, come richiesto dal nostro Arcivescovo – ha sottolineato il presidente Beniamino Sorbera De Corbera dei “Cavalieri della Mercede di Catania”, la struttura che si trova in via di Sangiuliano n. 58 – con la Caritas Diocesana che resta un punto di riferimento. Questa ci ha permesso diverse fonti di approvvigionamento da distribuire nel corso delle attività che continuiamo a garantire: accoglienza diurna con servizio doccia, distribuzione vestiario e servizio di colazione, e poi alle 14 distribuzione del pasto da asporto e dei pacchi spesa". In cima a questa variegata e composita realtà di assistenza, che include tantissime altre parrocchie della città e dei paesi limitrofi, c'è il coordinamento e la distribuzione di alimenti della Caritas Diocesana. "Non ci siamo mai fermati sul fronte del supporto a distanza – ha evidenziato Salvo Pappalardo, responsabile delle attività – e siamo sempre stati operativi per la donazioni di alimenti a diverse realtà che operano nel territorio perché hanno strutture adeguate, come 'Accoglienza e Solidarietà', 'La locanda del Samaritano', la cooperativa 'Mosaico' e il centro  'Madre Teresa di Calcutta. Nelle ultime settimane, le linee telefoniche e le chat dell'organismo diocesano si sono tramutate in strumenti preziosi per aiutare centinaia di famiglie, di senza tetto e di persone abbandonate e impossibilitate ad agire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Viviamo e percepiamo situazioni complicate – ha concluso don Piero Galvano – anche per queste ragioni come Chiesa ci siamo impegnati ancora di più, in accordo col nostro Arcivescovo, per assistere e aiutare nel pieno rispetto di quelle che sono le indicazioni dell'autorità pubblica, perché bisogna agire secondo coscienza di cristiani, azione che comporta un elevato senso di responsabilità nei confronti del prossimo". Si lavora per riorganizzare la riapertura dei servizi che, salvo provvedimenti eccezionali, dovrebbero riprendere verso la metà di aprile, nel piazzale antistante l'Help Center con la distribuzione di pasti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento