Vulcania, piantato ulivo in ricordo del giudice Giovanni Falcone

Un ulivo per non dimenticare, un ulivo per mantenere in vita il ricordo del giudice Falcone, della moglie e dei ragazzi della scorta che 23 anni fa persero la vita nella strage di Capaci. La municipalità di "Borgo-Sanzio" ha voluto ricordare così i servitori dello Stato

Un ulivo per non dimenticare, un ulivo per mantenere in vita il ricordo del giudice Falcone, della moglie e dei ragazzi della scorta che 23 anni fa persero la vita nella strage di Capaci. La municipalità di “Borgo-Sanzio” attraverso alcuni abitanti, il presidente Salvo Rapisarda e il vice presidente Orazio Grasso, ieri mattina ha voluto ricordare i servitori dello Stato piantando a Vulcania una piccola pianta simbolo di pace. Un ulivo nel cuore di una zona che per troppo tempo è stata in mano a vandali e teppisti. Orazio Grasso ha voluto lanciare quest’input con il preciso scopo di "generare nel cuore delle persone il seme della speranza e del riscatto. Un’eredità lasciata da due servitori dello Stato che hanno sacrificato la propria vita. Per noi si tratta di un piccolo gesto dal grande valore sociale a pochi passi dalla bambinopoli frequentata ogni giorno da decine di piccolissimi e genitori. Già l’anno scorso avevamo organizzato qui la medesima iniziativa."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Peccato che, nel giro di pochi mesi, alcuni teppisti, hanno fatto prima sparire la targa ricordo e poi danneggiato gravemente la pianta. "Oggi siamo di nuovo in piazza per piantare un’altro ulivo dimostrando che questo tipo di atti intimidatori non spaventano nessuno e che la legalità e la giustizia devono essere i marchi di riconoscimento della nostra isola" ha aggiunto Grasso. Concetti questi sposati anche dal presidente di “Borgo-Sanzio” Salvo Rapisarda che sottolinea come "il processo di riscatto deve coinvolgere tutti i cittadini onesti di Catania. Il quartiere lavora sodo per essere più vivibile e le strutture che prenderanno corpo nella piazza sono l’esempio più evidente che nessuno dimenticherà mai chi per lo Stato ha sacrificato la propria vita"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento