Piano di riequilibrio in fase di stallo, deserto il bando per i consulenti esterni

L’aggiudicatario avrebbe dovuto garantire una polizza assicurativa contro i rischi della responsabilità civile professionale e i danni causati da errori con un massimale non inferiore a 5 milioni di euro

La gara per affidare ad un consulente esterno la rimodulazione del piano di riequilibrio è andata deserta e al comune, mancano le competenze. Il bando di gara, stilato dalla Ragioneria Generale su mandato dell’amministrazione, richiedeva un servizio per predisporre la documentazione necessaria per la presentazione del piano, compresa la valutazione dei debiti fuori bilancio e la proposta di ristrutturazione del debito, e per il mantenimento dell’equilibrio strutturale dell’Ente.

Il servizio, in base al bando, sarebbe stato retribuito con un compenso di 34.500 euro, più “Iva o oneri riflessi se dovuti”. L’aggiudicatario, però, avrebbe dovuto garantire una polizza assicurativa contro i rischi della responsabilità civile professionale e i danni causati da errori e anche da infedeltà dei dipendenti, con coperture con un massimale non inferiore a 5 milioni di euro.

"Un’assicurazione con un massimale molto alto - dichiarano gli esponenti del movimento 5 stelle che erano già intervenuti sulla vicenda - per la semplice consulenza di un professionista, per quanto dotato di rare capacità. Sorprende la previsione della spesa di circa 35mila euro, quando nella proposta di delibera propedeutica al bando e fatta propria dalla Giunta municipale il segretario e direttore generale Antonina Liotta aveva sottoscritto che non ci sarebbero stati 'né direttamente né indirettamente, oneri finanziari'. Ci auguriamo che la gara andata deserta non dia l’incipit per aggiungere qualche cifra e far lievitare il compenso di una futura consulenza esterna. Visto che fino ad oggi l’amministrazione comunale non è nemmeno riuscita a riconciliare tutti i saldi con le aziende partecipate (alcune non hanno neppure approvato il bilancio 2014, mentre per altre manca l’asseverazione degli organi di controllo) e non riesce ad avere contezza dei debiti fuori bilancio e di quelli potenziali per le controversie in corso, così come non riesce a quantificare correttamente i residui attivi non sarebbe stato più utile pubblicare un bando rivolto ai maghi di professione, forniti di bacchetta magica?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento