Con una bottiglia in mano minacciava i passanti chiedendo denaro, arrestato

Si tratta di un cittadino extracomunitario, già destinatario di un provvedimento di espulsione

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Catania hanno arrestato il 22enne nigeriano Prince Samuel Oniovosa, responsabile di resistenza e violenza a pubblico ufficiale.


L’extracomunitario, tra l’altro già destinatario di un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, era stato segnalato in via D’Amico, dinanzi la stazione dei pullman mentre, brandendo una bottiglia nelle mani, minacciava alcuni passanti per farsi consegnare somme di denaro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari lo hanno rintracciato subito dopo lungo il viale Libertà. L’uomo ha cercato di fuggire ma è stato arrestato e rinchiuso in camera di sicurezza in attesa della celebrazione del rito direttissimo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • “Freedom Oltre il confine” dedica parte della prossima puntata a Catania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento