Con il flex per aprire una macchinetta delle merendine, arrestato

Il ladro, con un altro complice, voleva scassinare un distributore all'interno di un ufficio comunale

Avevano "puntato" una macchinetta delle merendine all'interno degli uffici del servizio demografico del Comune, in via La Marmora, e avevano pensato bene di attrezzarsi con un robusto flex per scassinarla e rubare i soldi all'interno.

Ma il colpo non è andato a segno grazie all'intervento della polizia. Così è stato arrestato Francesco Buscema, di 33 anni, con l'accusa di furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale.

L'altro complice è riuscito a scappare. A dare l'allarme sono stati gli addetti alla vigilanza dell'ufficio comunale e sono intervenute due volanti che hanno sorpreso i due mentre, tra scintille e bagliori, stavano scassinando il lucchetto del distributore per arraffarne il contenuto. Alla vista degli agenti, dopo un cenno d'intesa, si sono dati alla fuga. Uno è riuscito a far perdere le proprie tracce, l’altro, Buscema, è stato tallonato tenacemente e controllato a distanza dai componenti della volante, che speravano di bloccarlo facilmente a fine corsa: intento parzialmente raggiunto perché, nonostante la lunga corsa, al momento del placcaggio dei poliziotti, l'uomo aveva ancora sufficienti energie per dimenarsi e resistere violentemente all’arresto. Ma poi è stato ammanettato e condotto in Questura, da dove, dopo la stesura degli atti di rito e su disposizione del pm di turno, è stato portato agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento