menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio comunale: “Un anno di attività all’insegna di produttività e trasparenza”

Con questa parole la presidente Francesca Raciti ha aperto, nell’aula Falcone-Borsellino di Palazzo degli elefanti, l’incontro per fare un bilancio dell’Assemblea cittadina allo scoccare del primo anno di attività

“Un Consiglio comunale sempre più trasparente e al servizio dei cittadini grazie al clima estremamente positivo instauratosi grazie alla costante collaborazione tra maggioranza e opposizione pur nella diversità dei ruoli e dei compiti”. Con questa parole la presidente Francesca Raciti ha aperto, nell’aula Falcone-Borsellino di Palazzo degli elefanti, l’incontro con i giornalisti per fare un bilancio dell’Assemblea cittadina allo scoccare del primo anno di attività, e nel corso della quale ha fornito, attraverso la proiezione di una serie di tabelle, cifre e dati. Alla conferenza stampa erano presenti tra gli altri i consiglieri Alessandro Porto, Maria Ausilia Mastrandrea e Nino Vullo, e Angelo Greco, responsabile della Direzione Consiglio.

“Questo incontro con i giornalisti – ha spiegato Francesca Raciti - si innesta nella scelta di trasparenza dell’Assemblea, che intende fornire informazioni aperte e facilmente reperibili per favorire il coinvolgimento dei cittadini e consentire quel monitoraggio civico dei processi gestionali e di governo del Comune capace di migliorare l’efficacia dell’azione amministrativa. E un esempio di questa volontà di trasparenza sta nella pubblicazione delle votazioni delle sedute del Consiglio e nella prossima costituzione di una piattaforma open data dedicata al Consiglio comunale”.

Nelle tabelle presentate sono stati messi a paragone i dati del primo anno di Consiglio comunale sotto la passata Amministrazione (13 agosto 2008 – 6 agosto 2009) e quelli del primo anno di sindacatura Bianco, rilevando la crescita dell’indice di produttività dallo 0,8% al 2,7. È stato reso noto che non vi sono delibere ferme e il rapporto tra provvedimenti approvati e numero di sedute è cresciuto del 300%.

Tra le 120 delibere approvate dall’Assemblea sotto la presidenza di Francesca Raciti ci sono atti molto importanti per la città come il Regolamento edilizio, quello per l’affidamento di beni confiscati alla mafia, il Regolamento comunale sulle Unioni civili, la delibera sulla soppressione della Sezione distaccata di Catania del Tar, l’istituzione e perimetrazione del Parco archeologico greco-romano, l’adesione al “Patto dei Sindaci” e il potenziamento e la trasformazione della tratta della Metro.

Particolarmente rilevante anche l’approvazione di 71 Delibere di riconoscimento di debiti fuori bilancio, approvate in tempo utile per consentire al Comune di Catania di accedere ai benefici del Dl 35.

La presidente Raciti ha poi posto l’accento in particolare sui risparmi, per oltre 36 mila euro, ottenuti grazie a una diversa gestione delle sedute, fissate il martedi e giovedi, giorni di rientro per il personale, e anche in mattinata per evitare il ricorso allo straordinario, in particolare notturno, e la rinuncia ad auto di servizio e autista

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento