Controlli nei locali, sanzioni per 50 mila euro

Proseguono i controlli straordinari voluti dal Questore Salvatore Longo presso i locali ed esercizi pubblici catanesi. Per le irregolarità riscontrate sono state contestate sanzioni per la somma complessiva di circa 50.000 euro

Proseguono i controlli straordinari voluti dal Questore Salvatore Longo presso i locali ed esercizi pubblici catanesi. Gli agenti di polizia insieme  a personale dell’ASP 3, dell’Ispettorato del Lavoro e della Polizia Scientifica hanno ispezionato alcuni noti ristoranti al fine di accertare la genuinità degli alimenti, il rispetto delle condizioni igienico-sanitarie e l’osservanza delle norme contrattuali in materia di assunzione dei lavoratori. Per le irregolarità riscontrate sono state contestate sanzioni per la somma complessiva di circa 50.000 euro.

Ecco gli esercizi passati al setaccio con relative sanzioni:

Ristorante “Antica trattoria La Paglia” sita in via Pardo: il titolare è stato sanzionato amministrativamente per le precarie condizioni igienico-sanitarie nonché per talune modifiche non autorizzate alle attrezzature della cucina. Si è proceduto, altresì, al sequestro di 2 kg di tonno e di un 1 kg di polpa di ricci, per mancanza di tracciabilità. Sono state contestate sanzioni per 2.500 euro.

Ristorante “Trattoria-Macelleria M.M” sita in via Pardo: il titolare stato sanzionato amministrativamente per le carenti condizioni igienico-sanitarie riscontrate nei locali della cucina. Sono stati sequestrati 2 kg di tonno e 2 kg di pesce spada, per mancanza di tracciabilità. E’ stata accertata, altresì, la presenza di un lavoratore non regolarmente assunto. Per le infrazioni riscontrate sono state contestate sanzioni pecuniarie per circa 9.000 euro.

Ristorante “L’Ostello”, sito in piazza Currò: nessuna irregolarità veniva riscontrata per quanto riguarda la tenuta degli alimenti e le condizioni igieniche dei locali ma sono state riscontrate talune modifiche strutturali non autorizzate nei locali della cucina. Uno dei titolari del locale è stato indagato per il reato di frode nell’esercizio del commercio, per aver omesso di indicare in modo univoco la presenza di alimenti surgelati, che venivano venduti allo stesso prezzo di quelli freschi. Si è accertato, infine, la presenza di due lavoratori non regolarmente assunti. Per quanto rilevato si procedeva a contestare al titolare sanzioni pecuniarie per circa 9.000 euro..

Ristorante-pizzeria  “Al vicolo pizza e vino”, sito in via del Colosseo: nessuna irregolarità veniva riscontrata per quanto riguarda la tenuta degli alimenti e le condizioni igieniche dei locali ma è stata accertata la mancanza di alcune autorizzazioni per il regolare esercizio dell’attività, la presenza di un locale deposito non autorizzato, nonchè l’occupazione abusiva del suolo pubblico: lungo il marciapiede erano infatti sistemati tavoli e sedie che impedivano il passaggio dei pedoni. In ultimo, si riscontrava la presenza di due lavoratori “in nero”. Per le sopradette infrazioni veniva irrogata una sanzione pecuniaria di circa 11.000 euro..

Ristorante-Pizzeria “La Collegiata”, sito in via Collegiata: il titolare veniva sanzionato amministrativamente per le precarie condizioni igienico-sanitarie della cucina, nonché per talune modifiche non autorizzate alle attrezzature di lavoro. Si accertava, inoltre, poi la mancanza di alcuni attestati di formazione del personale, nonché il mancato aggiornamento della certificazione haccp. In ultimo, veniva accertata la presenza di due lavoratori “in nero”. Per le sopradette infrazioni sono state contestate sanzioni per circa 14.000 euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ristorante “Bonù”, sito in Corso Italia: nessuna irregolarità veniva riscontrata per quanto riguarda la tenuta degli alimenti e le condizioni igieniche dei locali ma è stata contestata una sanzione pecuniaria di circa 1.000 euro per modifiche strutturali non autorizzate dei locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento