Controlli nei ristoranti di Aci Castello, la replica del Poco Loco

Dopo la nota diffusa dalla Questura in merito ai controlli che hanno interessato i ristoranti di Acicastello Poco Loco e il Tubo, arriva la replica del Poco Loco a firma del legale, l'avvocato Nunzio Santi Di Paola

Cucina Poco Loco, foto da Facebook

Dopo la nota diffusa dalla Questura in merito ai controlli che hanno interessato i ristoranti di Acicastello Poco Loco e il Tubo, arriva la replica del Poco Loco a firma del legale, l'avvocato Nunzio Santi Di Paola.

"In merito alle notizie diffuse a mezzo stampa - si legge nella nota - dopo i controlli disposti  della Questura di Catania, in nome e per conto del legale rappresentante della società Poco Loco S.r.l. ritengo opportuno pubblicare la replica in appresso poiché la notizia così come fornita può indurre in errore i lettori. Premesso che da oltre trent'anni i gestori del ristorante Poco Loco sono nel settore della ristorazione e che si condivide pienamente il programma di controllo in atto che tutela non solo gli utenti ma anche gli esercenti, occorre però  puntualizzare quanto appresso. Dall’impaginazione che di seguito al nome “Poco Loco” riporta la dizione, "cucine sporche e alimenti tenuti in cattivo stato di conservazione" e immediatamente dopo la foto dell’interno di una delle cucine, può far credere che ciò si riferisca al ristorante “Poco Loco” di Aci Castello mentre invece non solo non sono state trovate le cucine sporche, ma perfettamente pulite ed a norma, ma neanche la fotografia pubblicata rappresenta le cucine del ristorante “Poco Loco” (delle quali vi allego alcune foto) sulle quali i verificatori non hanno avuto nulla da dire. Inoltre, prosegue l'articolo, personale dell’ASP avrebbe provveduto a sequestrare circa 40 kg (per lo più pesce) di alimenti non conservati in modo idoneo; al proposito, non solo non è stato sequestrato nemmeno un kg di pesce ma soltanto confezioni di mozzarelle panate, olive ascolane e crostacei, ma, ciò è avvenuto soltanto perchè i verificatori avrebbero rilevato semplicemente una differenza di appena quattro gradi nella conservazione di tali alimenti, differenza irrilevante e conseguente al fatto che il frigorifero dove erano conservati era stato più volte aperto, anche in presenza dei verificatori medesimi. Tale chiarimento, potrà sicuramente ristabilire la verità dei fatti e rassicurare gli avventori del locale che in oltre vent'anni di attività è sempre uscito indenne dai controlli che puntualmente sono stati eseguiti non solo dall' ASP ma anche dagli altri soggetti preposti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento