La polizia chiude un'attività aperta nonostante le restrizioni

Sono state 220 le persone controllate dalla polizia nell'ambito dei posti di blocco anti-covid

Diventa mpiù incisiva l’attività di controllo sul territorio da parte delle pattuglie della polizia di Stato per verificare il rispetto del dpcm varato il 3 novembre 2020 dal Governo. Sono stati pianificati dei posti di controllo nelle aree urbane e della provincia in cui maggiormente si registrano assembramenti, specie in concomitanza con il fine settimana, che possono ulteriormente aggravare l’attuale situazione sanitaria. In primo piano le pattuglie della questura, affiancate dagli uomini del reparto prevenzione crimine, del reparto mobile e del personale della divisione pasi per quanto riguarda gli esercizi commerciali. Intensificati, inoltre, i controlli nella fascia oraria serale coincidente con l’imposizione del lockdown per fronteggiare tentativi d’elusione da parte di contravventori. Tale attività ha consentito il controllo di 220 persone, l’acquisizione di 5 autocertificazioni, il controllo di 12 esercizi pubblici con chiusura di una attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento