Venerdì, 6 Agosto 2021
Cronaca

Continua l'esodo verso la Sicilia, Falcone: "Bloccare i treni diretti al sud"

La richiesta dell'assessore regionale ai trasporti che teme il rischio di vanificare gli sforzi fatti per contenere il covid19

Sono ancora attivi i treni diretti verso la Sicilia così l'assessore regionale ai trasporti Marco Falcone ha chiesto al governo nazionale un intervento. Si teme, infatti, che l'arrivo in Sicilia possa comportare una diffusione del contagio da coronavirus, dopo il massiccio rientro di oltre 20mila siciliani sull'isola provenienti in gran parte dalle regioni del nord.

"Gli enormi sacrifici che gli italiani hanno accettato di compiere per fermare il coronavirus, rischiano di essere vanificati dalle zone d’ombra del decreto #iorestoacasa come il mancato blocco dei treni. Nelle ultime ore, infatti, sembra che sia ripreso il flusso di viaggiatori che lasciano le regioni del nord per raggiungere via rotaia il mezzogiorno, un’emorragia che richiede divieti ancora più stringenti da Roma". Lo dichiara l’assessore regionale alle infrastrutture della Regione Siciliana Marco Falcone.

"Lanciamo per questo un appello al Governo nazionale: si blocchino in giornata i treni per il sud per chiudere così potenziali linee di contagio e garantire la tutela della salute della popolazione, dal personale viaggiante fino ai cittadini delle Regioni dove ancora il virus sembrerebbe darci il tempo di issare un argine. Da ieri in Sicilia - ricorda Falcone - il governo Musumeci ha dimezzato le corse degli autobus pubblici e privati e delle navi traghetto, sospendendo le linee non essenziali. Non escludiamo, per quanto di nostra competenza, un’ulteriore stretta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Continua l'esodo verso la Sicilia, Falcone: "Bloccare i treni diretti al sud"

CataniaToday è in caricamento