Crollo autostrada, Codacons si costituisce parte offesa nell'inchiesta

Lo rende noto il segretario nazionale Francesco Tanasi. "La Sicilia - afferma Tanasi - è letteralmente tagliata a metà, ma questo rappresenta solo l'ennesimo scandalo di una serie di crolli che hanno coinvolto negli ultimi due anni le strade siciliane"

Il Codacons si costituisce parte offesa nell'inchiesta aperta dal Procura di Termini Imerese sul cedimento del viadotto dell'autostrada A19 Palermo-Catania e avvia una una mega azione collettiva dei siciliani. Lo rende noto il segretario nazionale Francesco Tanasi.

"La Sicilia - afferma Tanasi - è letteralmente tagliata a metà, ma questo rappresenta solo l'ennesimo scandalo di una serie di crolli che hanno coinvolto negli ultimi due anni le strade siciliane". Tanasi chiede "per poter scongiurare ulteriori possibili crolli la verifica dei piloni di viadotti, ponti e cavalcavia di tutta la rete autostradale siciliana". Per l'associazione i lavori di ripristino potrebbero durare qualche anno e non riguarderanno solo la campata ma anche il tratto della statale 120 Scillato-Caltavuturo, dove si e' verificato l'ultimo movimento lungo la frana aperta dieci anni fa. Per questi motivi il Codacons, tramite gli avv. Carmelo Sardella e Paolo Di Stefano Dirigenti dell'Ufficio Legale Regionale, ha deciso di costituirsi parte offesa nell'inchiesta "affinche' si accertino le responsabilita'", per poi promuovere la costituzione di parte civile nel processo penale "allo scopo di richiedere il risarcimento del danno patrimoniale e morale a favore dei contribuenti siciliani". Il Codacons ha anche nominato un proprio pool di periti, che avranno anche il compito di verificare eventuali cedimenti strutturali, valutare il terreno che ha ceduto e verificare il rispetto di procedure e progetti esecutivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Con la mega azione collettiva - afferma l'associazione - i siciliani potranno costituirsi anche loro parte offesa e richiedere un risarcimento dei danni subiti. Ciascun cittadino siciliano, attraverso la presentazione dell'atto scaricabile da lunedi' dal sito nazionale del Codacons (www.codacons.it) potra' costituirsi parte offesa e richiedere un risarcimento di un danno, che si quantifica come non inferiore a 2000 Euro per ciascun cittadino".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento