menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ddl Anti-corruzione, il magistrato catanese Sebastiano Ardita: "Riforma da completare"

Sebastiano Ardita, magistrato catanese e membro del Consiglio Superiore della Magistratura, ha spiegato perché ha votato contro il parere del CSM sul ddl prescrizione ed anticorruzione

Sebastiano Ardita, magistrato catanese e membro del Consiglio Superiore della Magistratura, nell’intervento con cui ha spiegato perché ha votato contro il parere del CSM sul ddl prescrizione ed anticorruzione, ha dichiarato:

“E’ chiaro che saranno necessarie molte altre riforme per far funzionare meglio la giustizia. Ma non può negarsi che sarebbe un pessimo segnale che il CSM - ossia  l'organo del governo autonomo dei magistrati  - su questioni cosi’ delicate e cosi’ sentite, dia un parere unicamente critico senza  sottolineare l'importanza e la necessità di queste riforme".

"Sicuramente è suo compito porre in luce cio’ che può essere migliorato, ma deve anche incoraggiare  il perseguimento della strada  del buon funzionamento della Giustizia, nell’interesse di cittadini. Perchè, al di là dei rilievi tecnici che non condivido, c'è anche  un messaggio di sfiducia che, attraverso le inevitabili semplificazioni, giunge fino alla pubblica opinione, come un disaccordo - non sulla perfettibilità - ma sul merito stesso dell’iniziativa di riforma. Anche se non è così, daremmo impressione  che il Csm sia contrario alla riforma che vuole evitare gli abusi della prescrizione e contrastare la corruzione. E noi, a che passi questo messaggio  siamo fortemente contrari.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Covid-19 e meteo: come le temperature agiscono sul virus

Sicurezza

Bonus antifurto 2021: i requisiti per richiederlo

Ristrutturare

Parquet in casa: guida ai diversi tipi di legno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento