Estorsione ai danni del presidente di una Cooperativa Sociale

L'uomo che aveva lavorato alle dipendenze della Cooperativa quale addetto ai servizi di nettezza urbana nel Comune di Catania, pretendeva che gli venisse riconosciuta una somma di denaro in conto liquidazione

Ieri, personale della Squadra Mobile ha arrestato il pregiudicato catanese R.P. nella flagranza del reato di estorsione in danno del presidente del consiglio di amministrazione di una Cooperativa Sociale.

L'uomo che aveva lavorato alle dipendenze della Cooperativa quale addetto ai servizi di nettezza urbana nel Comune di Catania, pretendeva che gli venisse riconosciuta una somma di denaro in conto liquidazione, benchè la società avesse trattenuto i soldi per saldare un debito che lo stesso aveva assunto nei confronti di una finanziaria.

Dopo reiterate richieste, R.P. era passato alle vie di fatto dapprima facendosi spalleggiare da un complice (in corso di identificazione) che aveva malmenato l’ex datore di lavoro dichiarandosi “mafioso”, poi reiterando la minaccia di pesanti ritorsioni fino all’ottenimento di quanto preteso.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento