Su facebook l'annuncio di volersi uccidere, ma era un falso allarme

Una segnalazione telefonica da parte di un privato cittadino catanese ha avvertito la Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania in merito all'intenzione suicidiaria di una donna

Una segnalazione telefonica da parte di un privato cittadino catanese ha avvertito la Polizia Postale e delle Comunicazioni di Catania in merito all’intenzione suicidiaria di una donna, che sul noto social network Facebook aveva annunciato la volontà di togliersi la vita a causa della fine della sua relazione sentimentale.

I poliziotti hanno immediatamente verificato on-line l’esistenza dei messaggi e, oltre a chiedere a Facebook i dati utili per l’esatta identificazione dell’utente, hanno compiuto una ricerca per risalire a probabili contatti telefonici di alcuni degli “amici” di “Lory” (nome di fantasia). I tentativi dei poliziotti hanno avuto successo.

Dapprima è stata individuata una società per la quale la stessa aveva lavorato qualche anno prima, e, in seguito, grazie ad un’amica della donna si è risaliti alle generalità complete di “Lory” e alla residenza della stessa, una piccola città della Toscana.
Sono stati presi contatti con la Questura del luogo che, in sinergia con la Stazione dell’Arma più vicina all’abitazione della donna, è intervenuta per verificare l’incolumità e la buona salute della predetta la quale, in ultimo, pubblicava sulla bacheca del suo profilo dei messaggi di scuse per l’allarme ingenerato, dovuto a un particolare momento depressivo
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento