Forza D’Urto: iniziato lo sciopero del blocco dei trasporti

Il movimento invita tutti ad aderire alla protesta recandosi nei vari presidi ma avverte che non sono accettati bandiere e simboli di partiti politici o di sindacati

E’ scattato alla mezzanotte di ieri sera, domenica 15 gennaio 2012, lo sciopero di cinque giorni, che si concluderà alla mezzanotte tra venerdì 20 e sabato 21 gennaio e che prevede il blocco totale del trasporto siciliano.

La protesta, come ben si sa,  è organizzata da “Forza D’urto”, il nuovo movimento nato dall’unione degli Autotrasportatori Aias, Movimento dei Forconi, pescatori, imprenditori agricoli e da tantissimi altri.

Forza d’urto ha invitato ed invita, ancora, tutti i siciliani ad aderire alla protesta recandosi nei vari presidi che saranno istituti su tutto il territorio dell’isola. Si tratta infatti di una manifestazione popolare non saranno accettati bandiere e simboli di partiti politici o di sindacati.

Gi organizzatori garantiscono, e si impegneranno al massimo in questo senso, che sarà una manifestazione civile, ordinata, corretta. Nella quale ogni elemento di disturbo o che non sia in sintonia con le ferree regole di buon comportamento e di civile azione saranno isolati e respinti dal servizio d’ordine del Movimento costituito tutto da «padri di famiglia» che rifuggono qualsiasi tipo di intemperanza e, ancor più, di violenza. Gli uomini del servizio d’ordine saranno muniti di un distintivo facilmente identificabile e si muoveranno in strettissimo coordinamento con le Forze dell’ordine.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo rossa a Catania, scuole chiuse martedì 12 novembre

  • Ferlito, il figlio del boss "perdente" e la 'Ndrangheta: "Il porto di Catania non è buono"

  • Fungo porcino record trovato alle pendici dell'Etna: 4,3 chili

  • Estorsione al titolare di un camion dei panini: cinque arrestati

  • Meteo: in arrivo piogge e raffiche di vento su Catania

  • Bonus facciata 2020: come funziona e come ottenerlo

Torna su
CataniaToday è in caricamento