Paternò, in manette banda di rapinatori seriali: c'è anche un minorenne

I giovani sono ritenuti responsabili in concorso di due rapine, avvenute nel mese di aprile del 2018, ai danni del supermercato “A&O” e di un furto in abitazione

La procura  di Catania ha emesso un decreto di custodia cautelare in carcere nei confronti di Emanuele Longo, di anni 32, e di un minorenne paternese di anni 16. Una donna, di anni 25, è stata posta invece agli arresti domiciliari. I giovani sono ritenuti responsabili in concorso di due rapine, avvenute nel mese di aprile del 2018, ai danni del supermercato “A&O” di corso Italia a Paternò. Inoltre sono ritenuti responsabili di una rapina in abitazione commessa sempre nel mese di aprile 2018, ai danni di una donna ultrasessantacinquenne.

AI carabinieri hanno ricostruito le fasi delle rapine analizzando le immagini registrate dalle telecamere presenti in zona: uno dei rapinatori era armato di coltello ed entrambi avevano agito travisati da passamontagna. Gli stessi sono poi stati ripresi lungo il percorso di fuga: allontanandosi dal supermercato si toglievano il passamontagna indossato, rendendo così possibile ai carabinieri d di Paternò il riconoscimento e la successiva identificazione.

Lo scorso 19 aprile, due giorni dopo il primo episodio criminale, gli stessi soggetti insieme alla donna incriminata, commettevano una seconda rapina ai danni della stessa attività commerciale. Le immagini di videosorveglianza evidenziavano che la signora, convivente del Longo, effettuava un sopralluogo all’interno del negozio e avvisava telefonicamente il compagno che si trovava all’esterno in funzione di “palo”, favorendo la commissione della rapina da parte del minore. Sempre ad aprile, i tre giovani avevano inoltre rapinato a casa sua una donna ultrasessantacinquenne. Nella circostanza il Longo intimava alla signora di consegnargli i soldi contanti che aveva in casa, mentre gli altri due mettevano a soqquadro l’abitazione. Gli arrestati sono stati condotti rispettivamente presso la Casa Circondariale di “Piazza Lanza” e l’Istituto Penitenziario per Minorenni “Bicocca” di Catania, mentre la donna presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento