Garibaldi, dopo il risveglio dal coma abbraccia la sua bambina

Lo scorso 16 marzo, la donna aveva dato alla luce la piccola Rebecca Maria mentre era ricoverata in coma per un'emorragia celebrale. Successivamente ha recuperato le funzioni cognitive e motorie e, adesso, è pronta per incontrare la figlia

La donna che lo scorso 16 marzo in coma aveva partorito una bambina con taglio cesareo, nel reparto di rianimazione dell'ospedale Garibaldi, dove era ricoverata per un'emorragia celebrale sarà dimessa oggi e potrà finalmente vedere la sua piccola Rebecca Maria.

La bambina, nata prematura alla 32/ma settimana di gestazione, pesava 1.530 chilogrammi ed era stata trasferita nel reparto di Neonatologia dell’ospedale.

"La donna è in buone condizioni di salute - spiega il primario, Sergio Pintaudi -e la prima cosa che farà sarà di andare a trovare la figlia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento