Giovanni Salvi lascia Catania: nominato procuratore generale di Roma

Salvi, in magistratura dal 1979, è stato prima pretore a Monza, poi dal 1984 sostituto procuratore a Roma. Dal 2002 al 2006 è stato consigliere del Csm, al termine della consiliatura è tornato a svolgere le funzioni di sostituto a Roma. Dal 2007 è stato sostituto pg in Cassazione, e dal 2009 guida la procura di Catania

Il plenum del Consiglio superiore della magistratura ha 'promosso' due magistrati che operano in Sicilia: i procuratori di Catania, Giovanni Salvi, e di Caltanissetta, Sergio Lari. Il primo è stato nominato procuratore generale di Roma. Il secondo resta nel capoluogo Nisseno, ma assume anche lui l'incarico di Procuratore generale. Le proposte erano giunte in aula con la valutazione unanime della commissione del Csm.

Salvi, in magistratura dal 1979, è stato prima pretore a Monza, poi dal 1984 sostituto procuratore a Roma. Dal 2002 al 2006 è stato consigliere del Csm, al termine della consiliatura è tornato a svolgere le funzioni di sostituto a Roma. Dal 2007 è stato sostituto pg in Cassazione, e dal 2009 guida la procura di Catania.

Si è occupato, tra gli altri, dei processi sulla strage di Ustica, sugli omicidi di Calvi e Pecorella, su Gladio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento