Trovate 2 tonnellate di cozze nella fitta vegetazione della zona industriale

I militari della Guardia Costiera, insieme al servizio veterinario dell’Asp di Catania e personale della polizia provinciale, hanno trovato un considerevole quantitativo di frutti di mare abbandonato a ciglio strada

I militari della Guardia Costiera, insieme al servizio veterinario dell’Asp di Catania e personale della polizia provinciale, hanno trovato nella zona industriale del comune di Catania, un considerevole quantitativo di frutti di mare abbandonato a ciglio strada. Singolare il rinvenimento la cui quantità supera le due tonnellate di peso, sicuramente non abbandonato in modo casuale, ma nascosto nella fitta vegetazione, forse per paura di essere sorpresi in quanto non in regola con le norme sul trasporto. Non si escludono altre ipotesi soprattutto in relazione all’elevato valore commerciale qualora il pescato fosse stato in regolare condizione di commestibilità.

Proprio in queste ore sono al vaglio degli uomini della guardia costiera le ipotesi più probabili per fare luce sull’anomalo ritrovamento. Gli accertamenti saranno mirati alla possibilità di risalire al soggetto che commercializzava i mitili ed eventualmente a quale mercato regionale fosse stato destinato il prezioso carico. Qualora si riuscisse a comprendere questi aspetti dovrà essere verificato se il carico sia stato abbandonato sul sito, a seguito del timore di possibili controlli che in questi giorni la Guardia Costiera ha avviato sia nei punti vendita che nelle rotte di transito del pescato, anche per strada, potendo altresì ipotizzare che i mitili provenivano probabilmente da un deposito di stabulazione clandestino non autorizzato e pertanto di difficile immissione attraverso i prescritti canali di commercializzazione della specie ittica.

Pertanto la vendita era presumibilmente destinata ad essere realizzata direttamente su strada presso banchetti improvvisati in assoluta difformità alle normative igienico sanitarie di riferimento. Domande ed ipotesi di lavoro su cui il reparto operativo della Guardia Costiera continuerà a lavorare nei prossimi giorni con lo scopo primario, sottolinea il comandante Marco Iacono "di garantire la massima salubrità dei prodotti ittici che giungono sulle nostre tavole e scongiurare il pericolo di possibili intossicazioni alimentari, come purtroppo facilmente accade quando si consuma un prodotto ittico in assenza del rispetto delle normative sanitarie che ne assicurano la corretta commestibilità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' stata predisposta, inoltre, una denuncia a carico di ignoti, per la realizzazione di discarica abusiva di rifiuti speciali, in attesa che i successivi accertamenti possano evidentemente manifestare ulteriori responsabilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento