Paternò: imprenditore si uccide, la sua azienda era in crisi

Un imprenditore di 57 anni si è ucciso a Paternò, impiccandosi in preda alla disperazione a causa dei debiti contratti dalla sua azienda

Un imprenditore di 57 anni si è ucciso a Paternò, impiccandosi in preda alla disperazione a causa dei debiti contratti dalla sua azienda.

Il suicidio è avvenuto lunedì scorso. L'uomo era sposato e padre di due figli. Il suo cadavere è stato trovato in un capannone di contrada Ponte Barca, in un deposito di proprietà della ditta della quale era titolare. L'azienda, con una decina di dipendenti, ha sede ad Acireale e si occupa della costruzione di macchine per l'agricoltura.

A scoprire il corpo dell'imprenditore, sono stati i familiari. L'uomo non avrebbe lasciato nessun messaggio ma i carabinieri della compagnia di Paternò, intervenuti sul posto, in base ad alcuni documenti custoditi nello studio dell'uomo hanno ricostruito la difficile situazione finanziaria dell'azienda.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento