Inchiesta "Università bandita", iniziati gli interrogatori dei professori coinvolti

Dalla giornata di ieri sono iniziati gli interrogatori di garanzia. Già sentito il rettore Basile che ha negato ogni addebito

Sono iniziati ieri gli interrogatori di garanzia, dinanzi ai magistrati, dei professori coinvolti nell'inchiesta "Università Bandita" che ha messo nel mirino diversi concorsi truccati dentro l'ateneo di Catania.

Sono stati sentiti l'ex direttore del dipartimento di Scienze Politiche Giuseppe Barone, che contestualmente ha lasciato alcuni incarichi che aveva nella sua città natale (Modica), l'ormai ex rettore Francesco Basile e il prorettore Giancarlo Magnano San Lio. Sono difesti rispettivamente dagli avvocati Carmelo Galati, Attilio Floresta e Angelo Pennisi (Basile) e Maurizio Magnano San Lio e Rosario Pennisi.

Lunedì sarà il turno di Roberto Pennisi e dell'ex rettore, poi dichiarato decaduto, Giacomo Pignataro. Francesco Basile ha rilasciato delle dichiarazioni spontanee ai magistrati respingendo le accuse e di non essere in alcun modo "capo" di una sorta di associazione e, con carte alla mano, ha dimostrato i risultati raggiunti dall'ateneo sotto la sua gestione in termini di qualità e ricerca.

Oggi verranno sentiti i docenti Michela Cavallaro, Giuseppe Sessa, Filippo Drago, Giovanni Gallo e Carmelo Monaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento