Ladri-acrobati scalavano muri e grondaie per rubare in casa: presi

Si arrampicavano lungo tubature, grondaie e impalcature per entrare negli appartamenti presi di mira

Due pericolosi ladri d'appartamento sono stati arrestati dalla polizia, che ha messo fine alle loro scorribande notturne. Mentre il complice aspettava sotto, l'altro si arrampicava lungo tubature, grondaie e impalcature per entrare negli appartamenti presi di mira, senza curarsi della presenza dei proprietari che dormivano nei loro letti.

La scorsa notte, una volante che passava per via Vecchia Ognina, ha notato uscire da uno stabile i due pregiudicati, già noti ai poliziotti, e questi hanno tentato di svignarsela fuggendo per le vie limitrofe: sull’asfalto hanno però lasciato una borsa da donna di colore chiaro che è stata immediatamente recuperata.

All’interno sono stati rinvenuti i documenti intestati a una persona residente proprio nella via in cui si trova lo stabile dal quale erano usciti. I ladri sono stati intercettati all’interno di una sala giochi di via San Nicolò al Borgo, nella quale si erano introdotti nella speranza di riuscire ad eludere i controlli.

Avevano ancora addosso un portafogli con dentro 45 euro, un mazzo di chiavi di casa di un’altra abitazione oggetto di furto, 3 orologi, 2 powerbank, 1 selfiestick, 1 carica batteria da smartphone e un lettore MP3. Sono in corso indagini per appurare la responsabilità dei due fermati in relazione ad un altro furto in appartamento commesso in via Macallé circa un mese fa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento