Luca Parmitano è partito per "Beyond", la sua seconda missione spaziale

Durante la sua prima missione spaziale "Volare" è stato il primo italiano a effettuare delle missioni extraveicolari, le cosiddette "passeggiate spaziali", all'esterno della base orbitante mentre ora, nel mese di ottobre 2019, nella seconda fase della missione "Beyond", sarà il primo italiano a diventare comandante dell'Iss

foto Ansa

L'astronauta italiano dell'Esa e colonnello pilota dell'Aeronautica militare, Luca Parmitano è partito per "Beyond" la sua seconda missione spaziale di lunga durata sull'Iss dopo "Volare" dell'Asi nel 2013. Il lancio è avvenuto senza problemi, come previsto, alle 18.28 ora italiana di ieri dal cosmodromo russo di Baikonur, in Kazakhstan. Con il colonnello Parmitano i suoi colleghi d'equipaggio della Expedition 60/61: il cosmonauta russo, Aleksander Skvortsov e l'astronauta americano della Nasa, Andrew Morgan. Quarantadue anni, siciliano di Catania, sposato e padre di due figlie, il colonnello Parmitano fa parte del corpo astronauti europeo dal 2009. Prima di essere selezionato dall'Esa, è stato un pilota da combattimento dell'Aeronautica militare italiana sugli Am-x e un pilota collaudatore al reparto sperimentale volo dell'Arma azzurra, a Pratica di Mare (Roma). Durante la sua prima missione spaziale "Volare" è stato il primo italiano a effettuare delle missioni extraveicolari, le cosiddette "passeggiate spaziali", all'esterno della base orbitante mentre ora, nel mese di ottobre 2019, nella seconda fase della missione "Beyond", sarà il primo italiano a diventare comandante dell'Iss.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento